L’anidride solforosa

L’uso dello zolfo come antisettico, sia in fase di fermentazione sia per la conservazione del vino, è una pratica molto antica. Le funzioni dell’anidride solforosa (diossido di zolfo), che ha proprietà antimicrobiche e antiossidanti, sono molteplici. In fase di vinificazione essa svolge un’azione selettiva, inibendo lo sviluppo di batteri e lieviti dannosi a favore di quelli più sani…

Viti transgeniche?

La ricerca sugli organismi geneticamente modificati, e il dibattito che ne è seguito, ha toccato anche la viticoltura e l’enologia. Secondo i fautori della transgenetica il mondo del vino potrebbe trarre grandi vantaggi dall’applicazione delle discusse tecnologie. 

Vino e Cibo

Nel proporre una descrizione del rapporto vino/cibo, così importante nella storia e nella pratica della gastronomia, l’elemento “vino” può essere considerato sotto tre aspetti • come alimento in sé; • come materia prima che concorre alla composizione del cibo; • come bevanda da abbinare al cibo. Il vino come alimentoAttualmente dalla grande maggioranza degli studiosi …

Farsi una cantina

Una cantina personale può costituire una preziosa riserva di vini con i quali fare le proprie esperienze di assaggiatore. Qualcuno potrebbe obiettare che una cantina in casa non è indispensabile, visto che i vini si possono acquistare di volta in volta, quando servono. Certo, ma c’è qualche controindicazione.

Quando il vino è torbido o lascia depositi

Dopo la fermentazione, il vino tende via via a “pulirsi”: le fecce – residuo costituito da parti solide del grappolo, lieviti, tartrati – precipitano lentamente e sedimentano sul fondo dei recipienti in cui è conservato (vasi vinari). Una prima, grossolana, causa dell’aspetto torbido del vino potrebbero essere gli scarsi o scorretti travasi che il cantiniere ha effettuato per liberarlo dai sedimenti.

Il mosto

Il mosto ottenuto dalla pigiatura dell’uva è un liquido denso e torbido, costituito in gran parte da acqua (70- 85%), contenente in soluzione numerosissime sostanze: zucchero (fruttosio e glucosio), sostanze pectiche, sostanze azotate (essenziali per la vita dei lieviti), acidi organici (tartarico, malico, citrico)…

L’esordio di Slowine

Però era un piccolo spazio, un po’ nascosto, che non rendeva conto della passione e dell’interesse dei nostri soci e dei visitatori delle nostre pagine web. Occorreva porvi rimedio, ma occorreva farlo non solo incrementando il numero delle pagine dedicate al vino o la visibilità di questo spazio nella home page di Slow Food. Abbiamo …