Le cose belle e curiose di Vinitaly 2019: il Wine Mood di Massimago

Girando tra gli stand delle aziende vitivinicole presenti a Verona all’ultimo Vinitaly mi sono ritrovato nello stand di Massimago – bella azienda vinicola della Valpolicella – curioso di capire cos’era questo Wine Mood che sapevo “in azione” durante le giornate di fiera.

In sostanza si trattava di un un sistema “leggero” con cui era possibile ascoltare e registrare live – con parole e suggestioni proprie – il vino posto in degustazione, senza tecnicismi, solo attraverso le emozioni.

Wine Mood nasce da un’intuizione di Camilla Rossi Chauvenet, appassionata proprietaria di Massimago, e soprattutto dal suo desiderio di rispondere a una domanda:come posso fare a raccontare il mio vino con parole diverse?

«La poesia si serve di parole – ci dice Camilla – la musica di note, la pittura di colori, il vino si serve di suggestioni. I profumi, i sapori ci condizionano intimamente, liberano la nostra fantasia, le nostre emozioni ed i nostri ricordi più reconditi. I termini tecnici a volte imbrigliano la nostra libertà d’espressione. Vorrei invece che chi assaggia i miei vini li raccontasse come un viaggio, un film che ti ha colpito, la ricetta segreta della mamma. Il contenuto di una bottiglia non appartiene a chi lo produce ma a chi è in grado di viverlo ed interpretarlo».

«Sul nostro sito troverete l’album delle suggestioni che hanno evocato i miei vini. Ogni esperienza soggettiva mi lusinga e mi aiuta a conoscerli meglio e a scoprirne le potenzialità ed i significati più reconditi».

 

Come funziona? È semplice, come puoi vedere dalle istruzioni qui a fianco.

Assaggi un vino di Massimago – nei giorni scorsi a Vinitaly, da oggi in poi a casa, al ristorante, in azienda, dove vuoi… – e poi spedisci attraverso WhatsApp (al numero 349 2691984) il tuo contributo vocale, che non dovrebbe superare i 20-30 secondi.

Ogni contributo compare automaticamente sul profilo-scheda tecnica di ogni vino di Massimago illustrato nel sito aziendale (se clicchi qui, per esempio, ti colleghi con la pagina del Profasio, il vino più rappresentativo della cantina)

 

Qui di seguito la trascrizione di alcuni, tra i più belli, contributi lasciati da persone di tutto il mondo.

 

Valpolicella Superiore Profasio

Vienimi a cercare, non esitare. Sono qui, nei tuoi ricordi.

Sono vicino al gelso, vicino alla nostra altalena, come sempre.

Sei il mio esordio, la mia tenacia, la melodia che canto sempre quando sono da sola.

 

Valpolicella Ripasso Marchesa Mariabella

Il cerchio è una figura che non mi appartiene, non soddisferò le tue aspettative di grandezza.

Sono fluido e sinuoso come una linea sottile, è solo cosi che posso volare.

Con una spirale circondo il tuo dito per starti vicino, sarò sempre la tua ispirazione ed il tuo desiderio di cambiare direzione.

 

Amarone della Valpolicella Conte Gastone

Un viaggio, una foto in bianco e nero e tante spezie nello zaino.

Perdersi nella beatitudine del disordine aiuta a capire se stessi.

Destinazioni, colori, consigli, emozioni, sirene, giudizi, un’unica direzione, la tua.

 

Amarone della Valpolicella Massimago

Ti osservo da qui, dal pulpito dei miei anni.

Sono estremamente lucido quando ti dico che la vera saggezza è capire cos’è la gratitudine.

Riconoscere di essere caduti ed avere la forza di rialzarsi, guardarsi indietro e dare il giusto valore a te stesso e a quello che ti circonda.