Ecco i 10 Santa Maddalena che ci hanno conquistati quest’anno

È uscita da qualche mese l’edizione 2022 della Guida Slow Wine e, anche quest’anno, gli assaggi di Schiava ci hanno regalato belle soddisfazioni. Chi ci legge conosce il nostro debole per questa varietà rossa autoctona dell’Alto Adige, che è in grado di regalare espressioni eterogenee e molto convincenti.

Fra queste c’è senza dubbio quella della sottozona Santa Maddalena Classico, che si estende per circa 200 ettari sulle soleggiate colline a nord di Bolzano e in cui la schiava è tradizionalmente vinificata con una piccola percentuale di lagrein.

Le produttrici e i produttori di questa zona, storicamente impegnati per la tutela della tipologia, stanno lavorando ora, da un lato per far conoscere sempre di più il Santa Maddalena fuori dai confini locali e, dall’altro, per dimostrarne la versatilità e le potenzialità di invecchiamento.

È così che un numero crescente di aziende sta affiancando le etichette più classiche e beverine con Santa Maddalena prodotti a partire da singole vigne, veri e propri cru, e vinificati con macerazioni e maturazioni prolungate.

 

Ecco i 10 Santa Maddalena attualmente in commercio che ci hanno convinto maggiormente durante gli assaggi di quest’anno*:

A.A. St. Maddalena Cl. Moar 2019, Cantina Bolzano

Classico ed elegante, è il Santa Maddalena di punta della cooperativa bolzanina che da anni investe per promuovere e valorizzare la denominazione. Note di sottobosco accompagnano i frutti rossi, il sorso è carnoso e sapido.

 

A.A. St. Maddalena Cl. Vigna Rondell 2020, Franz Gojer – Glögglhof

Fra i primi a intuire l’importanza di una selezione da singola vigna, i Gojer non deludono mai con questo Santa Maddalena profondamente territorale: i frutti scuri accompagnano note di china e cenni officinali

 

A.A. St. Maddalena Cl. 2020, Griesbauerhof

Sempre più convincenti le etichette della famiglia Mumelter, che da un paio di anni può contare sul figlio Lukas, giovanissimo e abile enologo. Ne è una dimostrazione questo Santa Maddalena sfaccettato e persistente, con cenni ammandorlati, una beva tesa e buone prospettive di invecchiamento.

 

A.A. St. Maddalena Cl. 2020, Kandlerhof

Nuove energie anche al Kandlerhof dove, da qualche anno, Hannes affianca il papà Martin Spornberger, concentrandosi su Santa Maddalena ambiziosi e longevi. Un vino succoso, agile e incredibilmente beverino, con un sorso particolarmente dissetante.

 

A.A. St. Maddalena Cl. 2020, Larcherhof

Tenete (anzi teniamo) d’occhio Hans Jochen Spögler, giovane talentuoso che ci sta regalando assaggi molto convincenti. Il primo della sua famiglia a imbottigliare in proprio i vini prodotti, esce sul mercato con questo Santa Maddalena sapido e fruttato, con un succo polposo e particolarmente vivo.

 

A.A. St. Maddalena Morit 2020, Loacker

Anche quest’anno il Santa Maddalena di Loacker, azienda pioniera del biodinamico in vitivinicoltura, ci ha regalato un sorso squisito nelle note di sottobosco e frutti rossi e un sorso insieme leggiadro e materico.

 

A.A. St. Maddalena Cl. 2020, Waldgries 2020

Immersa nel vino da tre generazioni, la famiglia Plattner valorizza e tutela il Santa Maddalena da decenni: in cantina Christian ricerca schiettezza e croccantezza del frutto, come per questa etichetta, classica, tesa e succosa.

 

A.A. St. Maddalena Cl. Der Pfannenstiel. 2015, Pfannenstielhof

La famiglia Pfeifer, da sempre punto di riferimento per i vitigni autoctoni bolzanini, sta puntando in modo ambizioso e lungimirante sul Santa Maddalena: Der Pfannenstiel. sosta per ben quattro anni e mezzo in acciaio per valorizzare tutto il potenziale della denominazione, gioca su chiaroscuri e un sorso elegante.

 

A.A. St. Maddalena Cl. Vigna Premstallerhof 2020, Rottensteiner

Le vigne del Premstaller sono un piccolo gioiello delle colline di Santa Maddalena: coltivate da Gertrud Vogel, svizzera di origine ed ex infermiera, che all’inizio del Duemila ha convertito la coltivazione al metodo biodinamico. Dai suoi frutti nasce il cru Santa Maddalena Vigna Premstallerhof vinificato dalla Cantina Rottensteiner, un rosso intenso con profumi di frutta e fiori e sorso sapido.

 

A.A. St. Maddalena Cl. 2020, Untermoserhof

La famiglia Ramoser è una certezza: accogliente e verace, è stata fra le prime a imbottigliare in proprio in questa zona e sta lavorando ora su vini profondi e longevi. Un Santa Maddalena gustosissimo, sanguigno e croccante con profumi di frutti rossi e un sorso fresco e ritmato.

 

*L’elenco dei vini non rappresenta una graduatoria