Italo Cescon

Italo Cesconmarchio completo

Ormelle (TV)

Veneto

Tel. 0422 851033

www.cesconitalo.it

115 ha – 800.000 bt

 

VITA – È un’azienda che ha fatto la storia delle terre del Piave: la famiglia Cescon, oggi rappresentata dai figli di Italo (Graziella, Gloria e Domenico, quest’ultimo enologo di riferimento) e con il supporto esterno di Federico Giotto, è una realtà significativa dal 1957 per il legame con il territorio, che si esprime nella ricerca sui vitigni autoctoni, nella valorizzazione dei cru e, mettiamocelo pure, nell’utilizzo del dialetto per i nomi dei vini.

VIGNA – Sono 115 gli ettari vitati, che si estendono dal Piave alle colline di Valdobbiadene per arrivare fino alle Grave del Friuli: tutti danno vini definiti territorialmente. Molto bello il vigneto di Fagarè, a conduzione biologica, tenuto come un giardino, dove sono stati piantati grandi olivi che fanno da cornice al campo (dedicato al cabernet e all’incrocio Manzoni). Come dice Domenico Cescon, «ascoltare la natura senza forzarla né in vigna, né in cantina è il segreto per ottenere ottimi risultati».

 

_____

Ormelle (TV)

Veneto

+39 0422 851033

www.cesconitalo.it

284 ac – 800.000 bt

 

PEOPLE – Italo Cescon winery made the history of Piave region. It was founded in 1957 and till today represent the love for and a tribute to the land, expressed by the continuous research of native grape varieties, as well as the use of their dialect when naming the wines. Today, the company is run by the sons of Italo, Graziella, Gloria and Domenico, the later reference winemaker. They also count with the external support of Federico Giotto.

 

VINEYARDS – Cescon vineyards cover a vast plain of Veneto that is confined to south by the Adriatic Sea, to the north-west by the gentle hills of Valdobbiadene and Conegliano, is crossed by the river Piave and to north-east, it borders on the region Friuli Venezia Giulia. The Fagarè vineyard is managed organically and it is dedicated to the production of Cabernet and Manzoni grape varieties it is managed biologically. At the extremities, they have chosen to plant trees and hedges to preserve the original landscape but also to shelter all the parasites’ natural predators to obtain the maximum equilibrium of the ecosystem. As Domenico Cescon states “listening to nature is the secret to obtain excellent results”.