Terra Madre Balcani: la terza edizione

Sono passati due anni dall’ultimo incontro del network di Slow Food e Terra Madre.  Un incontro importante, in cui mettere a confronto le esperienze dei produttori, dei consumatori e delle organizzazioni della società civile. L’ultimo Terra Madre Balcani, infatti, si era svolto in una Sofia calda e assolata le diverse comunità del cibo presenti avevano avuto modo di confrontarsi sui tanti problemi che accompagnano chi vive e lavora in questa regione, troppo spesso ostaggio di istituzioni nazionali sorde ai bisogni dei piccoli produttori e del mondo rurale.

Quest’anno l’esperienza torna a ripetersi – coordinata da Kinookus e Slow Food – con alcune interessanti novità. Perché, nel frattempo, la rete balcanica non è rimasta con le mani in mano, ma ha avuto modo di continuare a dialogare e di sviluppare progetti comuni sotto il nome di Essedra. Per l’appuntamento che avrà luogo a Dubrovnik (Croazia), dai prossimi 19-21 giugno, c’è dunque una grande attesa. I numeri importanti lo confermano: oltre 150 delegati da 10 paesi, tra cui contadini, allevatori, casari, rappresentanti di università, studenti, chef e consumatori…

Sarà un’ulteriore occasione per puntare l’obiettivo sulle tante problematiche che affrontano i produttori di piccola scala di questa parte del mondo e per analizzare gli strumenti di cui dispongono per poter lavorare in condizioni più agevoli. Tra gli altri, un tema centrale sarà l’implementazione delle clausole di flessibilità previste nel cosiddetto “pacchetto igiene” che per i piccoli produttori non sono solo fondamentali, ma addirittura vitali: dalla loro implementazione, infatti, dipende la possibilità stessa di continuare a produrre. Ma il menù dei dibattiti e delle conferenze è ovviamente più ricco e toccherà argomenti quali la pesca di piccola scala nell’Adriatico, la necessità di tutelare i prodotti tradizionali a rischio di estinzione, il ruolo dei giovani nel ridisegnare il sistema alimentare del futuro e molto altro ancora. Né vanno dimenticati il Mercato della Terra, dove oltre 40 produttori avranno la possibilità di esporre e mettere in vendita il proprio prodotto, i Laboratori del Gusto e altre innumerevoli occasioni per scoprire l’immensa ricchezza di questo paese.

Vi aspettiamo dal 19 al 21 giugno, dunque, per mostrarvi tutto il bello e il buono delle produzioni balcaniche e per farvi scoprire che anche in un territorio come questo, dove per troppo tempo il cibo locale è stato riposto nel cassetto e quasi dimenticato, i produttori di piccola scala e i cibi locali hanno la forza di disegnare un futuro migliore. Più pulito e più ricco.

Per maggiori info: www.essedra.net