Sommersi dalle uova di cioccolato? Ecco come trasformarle

Tornano gli appuntamenti con i corsi del Master Of Food, verificate i corsi in partenza vicino a casa vostra, ne abbiamo attivati di imperdibili. Che vogliate diventare cuochi provetti, guidati dalla filosofia Slow, oppure sapere tutto su formaggio o sui suoi abbinamenti con la birra, o ancora scoprire i segreti di una frittura perfetta o imbandire la vostra tavola con le ricette amiche del clima, non perdetevi i nostri corsi.

Con la Pasqua vicina ne abbiamo attivati anche alcuni pensati per la famiglia dove si impara a trasformare le uova di Pasqua in dolci deliziosi.

 

Perché scegliere un Master of Food? Perché non sono corsi di cucina qualsiasi o meri esercizi di analisi sensoriale, ma insieme agli esperti Slow Food si impara a riconoscere la qualità, quella vera che rispetta ambiente e lavoro. La più buona che c’è.

Intanto, vi proponiamo oggi tre ricette per recuperare e trasformare colomba e cioccolato, nel caso (crediamo raro) in cui ne avanziate troppa!

Le ricette sono tratte da A tavola senza sprechi di Slow Food Editore. Le foto sono di Barbara Torresan

Zuccotto di colomba

Mariangela Fasoli, Pavia

Ingredienti

per 4 persone
5-6 fette di colomba
rafferma
60 g di crema pasticciera
20 g di canditi
20 g di mandorle sgusciate
mezz’etto di cioccolato
fondente  (potete riutilizzare quello delle uova di Pasqua)
zucchero a velo
cacao (facoltativo)
un bicchiere di panna
mezzo bicchiere di
maraschino (o altro
liquore dolce)

Tagliate la colomba a fette il più regolari possibile, inzuppatene una parte con il maraschino – non troppo – e foderate con esse uno stampo a cupola.
Montate la panna con 30 grammi di zucchero a velo; unitene due terzi con metà della crema pasticciera, i canditi, le mandorle tostate e tritate, un terzo con la crema rimasta e il cioccolato fondente fatto sciogliere a bagnomaria.
Riempite lo zuccotto a metà con la prima crema, coprite con altre fette di colomba leggermente bagnate di maraschino,
versate su queste la crema al cioccolato, chiudete con le fette rimaste e inzuppate con il liquore avanzato.
Mettete a raffreddare nel freezer per quattro ore, sformate e decorate con zucchero a velo o, se preferite, cacao.

Tempo di esecuzione
mezz’ora, più il raffreddamento

Miascia

Eugenia Barusco, Milano

Ingredienti

per 4 persone
mezzo chilo di pane
raffermo
una mela, una pera
20 g di pinoli, mezz’etto
di uvetta
3 amaretti
un cucchiaio di farina
di grano tenero tipo 0
mezz’etto di cioccolato
fondente (potete riutilizzare quello delle uova di Pasqua)
un etto di zucchero
2 uova
un bicchiere di liquore
all’amaretto
mezzo litro di latte
40 g burro

Tagliate il pane raffermo a cubetti e mettetelo in una ciotola capiente ad ammollarsi nel latte freddo per un paio d’ore. Amalgamate l’uvetta ammollata e strizzata con la mela e la pera sbucciate e tagliate a fettine, gli amaretti sbriciolati, il cioccolato a scagliette, i pinoli. A parte montate le uova con 75 grammi di zucchero. Riprendete la ciotola e stemperate con le mani il pane nel latte.
Mescolando aggiungete gli ingredienti appena preparati e amalgamati, il liquore e, in ultimo, le uova montate. Versate il composto in una teglia imburrata e infarinata, spolverizzatelo con lo zucchero rimasto e distribuite fiocchi di burro qua e là. Cuocete in forno caldo a 200°C per 15 minuti e poi a 150°C per altri 15. Servite la miascia tiepida.
Tempo di esecuzione
un’ora, più l’ammollo

Budino di pane e cioccolato

Trattoria La Sosta, Cremona

Ingredienti

per 6 persone
4 etti di mollica di pane
4 uova
un etto e mezzo di zucchero
70 g di cioccolato fondente
un etto di mandorle
sgusciate
la scorza di un’arancia
la punta di un cucchiaino di
semini di vaniglia
2 etti di panna
una noce di burro

Inzuppate la mollica di pane nella panna. Tostate le mandorle in forno, pelatele e tritatele grossolanamente. Unite al composto di pane e panna i semini di vaniglia, la buccia grattugiata dell’arancia, i tuorli d’uovo, gli albumi montati a neve e, alla fine, il cioccolato ridotto a scaglie. Versate il composto in una forma per budino, in precedenza imburrata, e fate cuocere in forno a 160°C per 40 minuti. Può essere un modo goloso per recuperare gli avanzi di pane. Una ricetta più consueta abbina la mollica ammorbidita nel latte a uvetta e frutta candita; il composto è poi profumato con cannella, aggiungendo talvolta un bicchierino di brandy o di grappa.
Tempo di esecuzione
un’ora

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • SiNo