BIANCOLELLA

BIANCOLELLA

Vitigno molto antico, essenzialmente ischitano o della costa campana, citato per la prima volta nel 1867 da Giuseppe D’Ascia il quale, nella sua Storia dell’isola d’Ischia, parla della “rubiconda Biancolella”. In purezza è all’origine della Doc Ischia Biancolella, considerato uno dei grandi vini campani: un vino che nasce in vigne estreme, considerate a giusto titolo tra le più belle del mondo.

Il grappolo è di forma cilindrica, gli acini sono medi, rotondi e di colore verde paglierino con una buccia sottile e tenera.

 

This ancient grape variety hails from the island of Ischia and the Campanian coast. It was first mentioned in 1867 by Giuseppe D’Ascia in his Storia dell’isola d’Ischia, History of the Island of Ischia, in which he spoke about the “florid Biancolella”. The Ischia Biancolella DOC is a single varietal wine, regarded to be one of the great wines of Campania.

This is a wine that is born from extreme vineyards, rightly considered to be some of the most beautiful in the world. The grape bunch is cylindrical in form, the berries are round and medium sized, and are a greenish straw yellow color with a delicate thin skin.

 

Vini a base biancolella

Marisa Cuomo, Costa d’Amalfi Furore Bianco 2014