Terra Madre Americas: dall’Oregon al Cile

Il primo evento di Terra Madre Americas, frutto della collaborazione tra Slow Food, Slow Wine e Visit Sacramento, si è svolto a Sacramento, capitale della California. Tantissimi gli appassionati di vino e cibo che si sono uniti a produttori, torrefattori, chef e ricercatori per scambiare idee e approfondire la conoscenza del movimento Slow Food.

La Guida Slow Wine ha una sorella gemella che vive negli Stati Uniti. Le sue redattrici, Deborah Parker Wong e Pam Strayer, hanno costruito tre masterclass di vino per presentare 18 vini di 15 produttori regionali presenti nella guida Slow Wine USA 2024, raccontando la qualità e stile dei vini delle AVA note come Superior California, il lato più nascosto della California. La quarta masterclass ha descritto il vino latinoamericano, passando dall’Argentina all’Uruguay dove ha preso spazio la presentazione del programma uruguiano, portato avanti da INAVI, sulla Uva Sustentable: un supporto governativo verso una transizione del mondo del vino in Uruguay.

L’evento si è poi spostato al ristorante Mulvaney’s B&L per una degustazione di vini dedicata ai professionisti: quasi 30 Cantine membre della Slow Wine Coalition – provenienti da Stati Uniti, Centro e Sud America – si sono confrontate con i media e i rappresentanti del settore per discutere la missione della rete: rivoluzionare il vino per promuovere l’eccellenza, la sostenibilità ambientale, la conservazione del territorio e il progresso del benessere rurale, sociale e culturale.

Qui di seguito i produttori di vino che hanno preso parte all’evento:

Cantine dal Centro e Latino America

Bodega Cerro Chapeu (Uruguay), NAKKAL WINES (Uruguay), Jardín Oculto (Bolivia), Descendientes de Viticultores de Montaña (Argentina), Finca las Glicinas (Argentina), Antropo Wines (Argentina), Ritmo Lunar (Argentina), Vinos 1750 (Bolivia), Bodegas Krontiras (Argentina), Bodega Santos Brujos (Messico), Viña la reserva de Caliboro (Cile), Pepe Moquillaza Wines (Perù).

Cantine dal Nord America

California:

Andis Wines, Casino Mine Ranch, Cary Q Wines, Cormorant Cellars, Cruess Wine, Donum Estate, Donkey & Goat Winery, The End of Nowhere, Ettore Wines, Frey Vineyards, La Clarine Farm, Madroña Vineyards, Matthiasson Family Vineyards, Ram’s Gate Winery, Terah Wine Co.

Oregon:

Upper Five Vineyard

“Siamo rimasti davvero colpiti dalla calorosa accoglienza e dall’entusiasmo di Sacramento. Crediamo che la città abbia il potenziale per fungere da centro di diffusione dei principi di Slow Food e della Slow Wine Coalition in tutte le Americhe e per rimodellare il modo in cui coltiviamo la vite – utilizzando meno sostanze chimiche e promuovendo la sostenibilità – così come il modo in cui apprezziamo e commercializziamo il vino.

Sacramento non solo è situata in una posizione strategica, ma è anche la culla del movimento farm-to-fork, quindi è stato facile per noi sceglierla per il primo evento di Terra Madre Americas”,

afferma Giancarlo Gariglio, curatore della Guida Slow Wine.

E così sarà! Abbiamo gettato le basi, il prossimo Terra Madre Americas sarà in scena nuovamente a settembre 2025 per poi ripetersi ogni 2 anni.


Questo articolo è apparso nel Numero #12 della nuova newsletter Slow Wine, per chi ama il vino buono pulito e giusto.
Se sei interessato a leggere queste notizie in anteprima, iscriviti qui alla newsletter per riceverla nella tua casella di posta ogni mese!