San Fereolo 2001 – San Fereolo

Lo confesso mi ha colpito al cuore. Assaggiato alla cieca due giorni fa in compagnia di Christian Bucci ad Alba negli uffici de Les Caves de Pyrene pensavo fosse un nebbiolo. Una confessione che non mi fa onore, ma fa lo stesso. Ritengo sia meglio dire sempre la verità. I profumi di un’eleganza senza pari, …

Naturale e Bio, argomenti seri o utili ad alzare lo share?

Ho una certa ideuzza che mi ronza in testa, tutto questo riempirsi la bocca nei blog e nei siti del naturale sia un mezzo per alzare lo share e non per aprire una discussione seria e ponderata sull’argomento.   Con questo breve pezzo tra l’altro rischio di cadere anche io in questa trappola. Ho letto …

L’acqua di roccia di Anselme Selosse

  Qualche tempo fa ho avuto la fortuna di fare visita ad Anselme Selosse, il vigneron che ha reso famosa l’azienda di Avize fondata dal padre Jacques e che ha creato una “scuola di pensiero” a Champagne, con conseguente crescita di numerosi seguaci, sia tra i produttori che tra i consumatori.       Ottima …

Quattro annate di La Closerie Les Béguines di Prévost

Jérôme Prévost inizia la sua carriera di vigneron alla fine degli anni Ottanta quando, giovanissimo, riprende a coltivare il piccolo vigneto di famiglia – poco più di due ettari – posto ai piedi della Montagna di Reims, in comune di Gueux. Per una decina di anni conferisce le uve a varie cantine della Champagne, cominciando …

Taurasi Vendemmia e la comunicazione che va veloce

Chiunque voglia divulgare la cultura del vino avrebbe dovuto essere presente alle manifestazioni Campania Stories e Taurasi Vendemmia 2013. Non mi riferisco soltanto alla qualità dei vini, in accelerazione continua con qualche sbandamento che vedremo sotto, ma proprio al modo di comunicare, di mettere in relazione le aziende e tentare di unire il più possibile …

Lettera aperta di un viticoltore sull’orlo di una crisi… economica!

Venerdì scorso mi è arrivata da un produttore una mail che mi ha fatto pensare non poco. Ho deciso di pubblicarla, togliendo tutti i riferimenti all’azienda, perché penso che sia una lettera che mi avrebbe potuto mandare un qualsiasi vignaiolo italiano. Quindi inserire il nome non avrebbe arricchito di una virgola la discussione che questo …

Puligny-Montrachet 1er Cru – Clos de la Mouchere 2009 – Domaine Henri Boillot

Ho deciso di far arrabbiare un po’ Fabio Giavedoni che qualche giorno fa aveva scritto questo post spiritoso sulla Borgogna.   Ma lo faccio solo perché penso di aver bevuto uno dei bianchi più interessanti degli ultimi tempi e quindi vale davvero la pena fare uno strappo alla regola e provare a scrivere qualcosa di …

Anche Vinitaly vittima della caccia alle streghe sul Naturale?

La caccia alle streghe è iniziata con l’enoteca Bulzoni di Roma. Se qualcuno ha bisogno di rinverdire la memoria su questo fatto, ecco un preciso pezzo di Marco Bolasco in merito, basta cliccare qui. Chi scrive vini naturali sa ormai che rischia di incorrere in pesanti multe come è accaduto a Bulzoni. Mi ha incuriosito …

Anteprima Tai Rosso Unplugged

Qualche giorno fa il Consorzio Tutela Vini Colli Berici e Vicenza ha organizzato l’Anteprima Tai Rosso Unplugged, non proprio un evento ma piuttosto una semplice e rilassante degustazione-discussione a cui sono stati invitati giornalisti e bloggers, attratti da questo vino autoctono della provincia di Vicenza ancora poco prodotto, conosciuto e valorizzato. In degustazione 15 Colli …

Lo strano caso di Poggio di Sotto e Mr Hyde

Poggio di Sotto è un modello enologico e un sistema imprenditoriale vincente. L’azienda, nata solo una ventina di anni fa, è riuscita a imporsi come interprete autentica del sangiovese in purezza. E se negli anni Novanta il vino di Piero Palmucci rappresentava la resistenza opposta alla minacciosa invasione dei sangiovese d’America, dopo appena un decennio, …