I vini delle Dolomiti bellunesi

Da qualche tempo osserviamo una crescita interessante della viticoltura all’ombra delle Dolomiti del bellunese: un fenomeno che si sta consolidando sia per la crescita qualitativa della produzione, sia per numerosità di produttori.

Un territorio che va dal Feltrino fino al Cadore, passando per la Valbelluna lungo il Piave e l’Alpago dove la viticoltura era sparita a causa dell’emigrazione o per preferire un lavoro in fabbrica più sicuro.

Si sta tornando a coltivare le viti con coraggio ed entusiasmo. Nel solco di un’antica tradizione, il contesto delle Dolomiti Bellunesi sta riscoprendo il proprio potenziale enologico.

Terreni prevalentemente di origini dolomitica, la roccia rosa ricca di minerali, altezze importanti che arrivano fino a 1000 metri, esposizioni ideali per la luce e ventilazioni, rese spesso molto basse: tutto questo da qualità e permette sfide importanti.

Complice probabilmente anche il cambiamento delle condizioni climatiche, vi segnaliamo un gruppo di viticoltori che, o per passione o per tradizione familiare riscoperta, ha investito nella viticoltura, in un territorio molto bello anche da un punto di vista paesaggistico e quindi favorevole a processi di enoturismo.

 

Croda Rossa

Lentiai, Colderù (BL)

tel. 345 6605382

 

De Bacco

Seren del Grappa, (BL)

tel. 0439 44149

 

Filippo De Martin

San Gregorio nelle Alpi, (BL)

tel. 349 1421286

 

Marco Levis

Chies d’Alpago, (BL)

tel. 340 2414268

 

Pian di Colle

Lentiai, Colderù (BL)

tel. 328 9481459

 

Poggio Pagnan

Mel (BL)

tel. 389 4439585

 

Sass de Mura di Bonifacio Edda

San Gregorio nelle Alpi (BL)

tel. 331 4496248

 

Valdepol di Zanon Katja e De Min Gianluca

Codenzano, Chies d’Alpago (BL)

tel. 351 8523661