I territori dei vini rosa in Italia #2: Valtènesi Chiaretto

I principali territori, per storia e tradizione, di produzione di vini rosa in Italia sono essenzialmente quattro: la zona del Bardolino (versante veneto del lago di Garda), la Valtènesi (sponda lombarda dello stesso lago), l’Abruzzo e il Salento.

Oltre a questi territori – a cui dedicheremo un post specifico – una produzione significativa di vini rosa si registra anche in Calabria (con la produzione di Cirò Rosato), ancora in Puglia ma nella zona di Castel del Monte, sulle pendici dell’Etna e in Trentino Alto Adige, con la produzione dei Kretzer.

La Notte Rosa si avvicina! Partecipate alla festa di presentazione della guida il 28 luglio, dal vivo presso le Tavole Accademiche di Pollenzo o collegandovi online via Facebook. Avrete la possibilità di degustare e brindare insieme a noi acquistando il pacchetto che comprende la guida I migliori 100 vini rosa d’Italia e 6 bottiglie di vini rosa (scarica qui il modulo di prenotazione).

 

Valtènesi Chiaretto – la storia

Il ritrovamento del più antico aratro costruito dall’uomo – databile 5.000 anni prima di Cristo – testimonia che sulle colline moreniche attorno al lago di Garda si coltiva la vite da sempre: non si è a conoscenza né di chi l’abbia introdotta in questo territorio, né precisamente quando, ma alcune testimonianze storiche confermano che già nel primo secolo d.C. il vino prodotto nei dintorni del lago Benaco – questo il toponimo classico di matrice latina, poi abbandonato per adottare

il termine di origine germanica Garda, da warda, ovvero luogo di guardia o luogo di osservazione – era ben noto e si poteva facilmente trovare nei banchetti degli antichi Romani con il nome di Retico, come confermano gli scritti di Svetonio e di Plinio.

Nei secoli successivi, e fino in epoca moderna, la viticoltura rimase una pratica ampiamente diffusa, che non conobbe mai momenti di crisi o di abbandono, anche se non sempre era in grado di raggiungere livelli produttivi rilevanti: solamente nella seconda metà dell’Ottocento la comparsa virale di alcune malattie della vite, come l’oidio prima e la peronospora poi, provarono a minare questa tradizione secolare ma l’unico risultato che ottennero fu un maggiore impegno e l’adozione di nuove e più efficaci tecniche colturali da parte dei viticoltori. È soprattutto a partire dal secondo dopoguerra che la produzione vinicola gardesana imbocca in maniera significativa e duratura la strada della qualità diffusa; in particolare la svolta decisiva per l’enologia del Garda occidentale avvenne nel 1959, a seguito del primo convegno sui vini bresciani organizzato nell’ambito dell’Esposizione Industriale Bresciana.

Da quella data in poi si comincia a parlare con sempre maggiore rispetto dei vini della “Riviera”, intendendo con questo termine il territorio e l’entroterra della co- sta lombarda del lago, conosciuto con il nome esteso di Riviera del Garda Classico. Il nome Chiaretto, che identifica il vino rosa prodotto in questo territorio, compare già agli inizi del Novecento, come testimoniano i cataloghi di alcuni tra i più importanti Con- corsi Vinicoli dell’epoca. L’attuale termine Valtènesi identifica invece l’area più centrale e prevalentemente collinare della Riviera, dove tradizionalmente viene coltivata la varietà più tipica di queste campagne, il groppello, patrimonio esclusivo della sponda occidentale del lago.

Attualmente Il Consorzio Valtènesi associa circa un centinaio di viticoltori, due terzi dei quali sono imbottigliatori presenti sul mercato con proprio marchio mentre un terzo è rappresentato da semplici pro- duttori di uva. Complessivamente si prendono cura di una superficie vitata che raggiunge i 1.000 ettari: ogni anno alla produzione del Chiaretto vengono destinati circa 25.000 quintali di uva, che una volta vinificati corrispondono a circa 2 milioni di bottiglie: un numero in costante crescita negli ultimi anni.

Per tutte le altre notizie – riguardanti le caratteristiche del territorio in questione, le varietà di uve che qui vengono coltivate, le modalità di vinificazione e le tipologie di vino prodotte – vi toccherà consultare la nuova edizione della guida, acquistabile online attraverso lo store di Slow Food Editore (clicca qui per accedere) oppure normalmente nelle migliori librerie d’Italia.

 

Qui di seguito, in ordine alfabetico, la nostra selezione dei migliori Valtènesi Chiaretto di attualmente in commercio:

 

 

 

Cantrina – Valtènesi Chiaretto A Rose is a Rose is a Rose 2019

Cascina Belmonte – Valtènesi Riviera del Garda Cl. Costellazioni 2019

La Basia – Valtènesi Riviera del Garda Cl. La moglie ubriaca 2019
Le Chiusure – Valtènesi Riviera del Garda Cl. 2019
Marangona – Riviera del Garda Cl. Chiaretto 2019
Pasini – San Giovanni – Valtènesi Riviera del Garda Cl. Il Chiaretto 2019
Pratello – Valtènesi Riviera del Garda Cl. Sant’Emiliano 2019
Podere dei Folli – Valtènesi Preafète 2019
Selva Capuzza – Riviera del Garda Cl. Chiaretto San Donino 2019
Zatti – Valtènesi Chiaretto Primanotte Bio 2018