I nuovi vini di Salvatore Martinico

Dopo anni di esperienze fatte tra i vigneti di mezzo mondo, Salvatore Martinico ha deciso di rilanciare il suo impegno nel mondo del vino creando una sua azienda in Sicilia. E di tornare alle origini.

Il papà, Ciccio Martinico, è stato infatti tra i primi sull’isola a puntare sul grillo quando di questo vitigno se ne faceva un uso dozzinale e spesso veniva utilizzato come base per vini di altre regioni. Da questa impostazione nasce l’azienda Martinico & Figli, di cui abbiamo avuto la possibilità di degustare quasi in anteprima assoluta i vini.

In attesa di dotarsi di vigneti in proprietà, Salvatore seleziona uve proveniente da zone che ha conosciuto e frequentato negli ultimi anni.

 

 

Il Viali di Altarello Sicilia Doc Lucido 2021 nasce da vigneti collinari di Salaparuta. Al naso ricorda erbe sfalciate, fiori di campo e mentuccia selvatica. Bocca estremamente succosa, dotata di bella spinta acida che dona un notevole allungo gustativo nel quale emergono cenni minerali. Chiude sulle tipiche note di mallo di mandorla.

Di bell’impatto il Sicilia Grillo Fra Le Vigne 2021 con uve provenienti dalla zona collinare di Calatafimi Segesta. All’olfatto presenta cenni agrumati su cui si innestano sentori di frutta a polpa bianca e rimandi floreali. La bocca è sapida, quasi salata, dotata di una bella acidità che ne distende il sorso.

A seguire il Frappato Fra le Vigne T.S. 2020 da uve coltivate in territorio di Racalmuto su terre parzialmente bianche. Il naso è estremamente varietale, giostrato com’è su sentori di frutta rossa e note floreali. Godibile alla beva grazie alla sua morbidezza ed alla materia che mantiene composti i tannini presenti.

Il Sicilia Nero d’Avola Viali di Menna 2021, anch’esso proveniente dall’agro di Salaparuta, è parso molto convincente. Gelso nero, fiore di cappero e sbuffi balsamici precedono un cenno di cacao. Beva godibilissima che invoglia ad un ritorno e regala un finale lungo e persistente.

Ed adesso non ci resta che attendere la cantina… già in progetto!