I migliori Metodo Classico d’Italia per Slow Wine 2022

Negli anni scorsi in genere dedicavamo un post su un argomento simile a ridosso dell’uscita sul mercato della nuova edizione di Slow Wine.

Quest’anno invece lo proponiamo quando Slow Wine 2022 (che potete acquistare a prezzo di favore cliccando qui) è già da almeno un paio di settimane disponibile in libreria.

Nei mesi scorsi – dopo il lungo lavoro di selezione su base locale, che per quanto riguarda i Metodo Classico prodotti in Italia vuol dire giornate di degustazioni a Trento, in Franciacorta, in Alta Langa e nell’Oltrepò Pavese, oltre all’assaggio di alcune etichette che si producono in altre regioni – abbiamo assaggiato i vini selezionati per le degustazioni finali dividendoli in batterie non in base alla provenienza o alla denominazione territoriale ma per dosaggio, o se volete per tipologia (Dosaggio Zero, Extra Brut, Brut, ecc.).

Una modalità che abbiamo adottato già da qualche anno e che reputiamo più adatta allo scopo, perché siamo sempre più convinti – lo abbiamo scritto più volte, leggi qui e anche qui – che nel caso di vini prodotti con uve chardonnay e pinot nero (diverso è il caso di spumantizzazione di vitigni autoctoni o fortemente territoriali) il metodo, in questo caso quello della rifermentazione in bottiglia con sboccatura e dosaggio, annienta il territorio.

Alla fine i riconoscimenti attribuiti quest’anno ai Metodo Classico – il cui numero è il più alto di tutte le edizioni di Slow Wine – sono i seguenti, che riportiamo in ordine alfabetico per regione:

 

EMILIA ROMAGNA

M. Cl. Il Mattaglio Blanc de Noirs 2016, Cantina della Volta

M. Cl. Salèbra 2013, Erioli

LOMBARDIA

Brut Pas Operé Memoria 2014, Ca’ del Vent

Franciacorta Dosaggio Zero Annamaria Clementi Ris. 2011, Ca’ del Bosco

Franciacorta Dosaggio Zero Sublimis Ris. 2013, Uberti

Franciacorta Extra Brut Animante, Barone Pizzini

Franciacorta Extra Brut DT Ris. 2011, Lorenzo Faccoli & Figli

Franciacorta Extra Brut EBB Riedizione 2020 2010, Mosnel

Franciacorta Pas Dosé 2016, Cavalleri

Franciacorta Pas Dosé 2016, San Cristoforo

Franciacorta QSatèn 2016, Tenuta Quadra

Franciacorta Satèn 2016, 1701

Franciacorta Satèn, Corte Fusia

Franciacorta Satèn, Ronco Calino

M. Cl. Brut, Monsupello

M. Cl. Dosaggio Zero Luogo d’Agosto 2017, Alessio Brandolini

O.P. M. Cl. Pinot Nero Rosé Extra Brut Norema 2018, Calatroni

MARCHE

Verdicchio dei Castelli di Jesi Spumante M. Cl. Brut Contatto 2016, Federico Mencaroni

PIEMONTE

Alta Langa Blanc de Noir Pas Dosé For England 2016, Contratto

Alta Langa Brut Totocorde 2016, Bava

Alta Langa Pas Dosé Ris. 2014, Ettore Germano

PUGLIA

M. Cl. Brut Riserva Nobile 2017, d’Araprì

TOSCANA

M. Cl. Pas Dosé Montellori 2016, Fattoria Montellori

TRENTINO

Trento Brut 976 Riserva del Fondatore 2010, Letrari

Trento Extra Brut Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2010, Ferrari

Trento Pas Dosé Ris. 2014, Balter

VENETO

Conegliano Valdobbiadene Sup. Extra Brut 2018, Mongarda

Lessini Durello M. Cl. Dosaggio Zero 2010, Giannitessari

M. Cl. Durlì, Dama del Rovere

 

Anticipiamo che a breve faremo anche un riepilogo nazionale delle “altre bollicine” (non prodotte con Metodo Classico), in particolare di quelle con il metodo ancestrale della rifermentazione in bottiglia senza sboccatura.