Birra Moretti tu vuò fa l’artigianale? Abbiamo provato le Regionali: ecco il nostro responso!

Innanzitutto una premessa. Da sempre nel presentare la nostra guida spieghiamo come non esista alcuna relazione necessaria tra il valore di una birra (organolettico ed etico) e l’utilizzo di prodotti del territorio. Da sempre, infatti, il movimento artigianale italiano ha percorso la via della birra “di territorio” per distinguersi sul mercato. Questa tendenza l’ha portata a raggiungere risultati a volte straordinari a volte più che discutibili. Come sottolineato anche in passato la presenza di prodotti locali non deve essere né un puro esercizio di stile, né tantomeno una mera operazione di marketing. L’utilizzo di frutta, erbe, cereali tipici dei luoghi in cui sorge il birrificio dovrebbe invece essere innanzitutto un complemento gustativo al prodotto birra che deve però continuare a essere riconoscibile in quanto tale. Inoltre l’utilizzo di materie prime locali dovrebbe portare un qualche vantaggio anche al territorio stesso.

Ciò detto, non stupisce affatto che un’industria tra le più strutturate del mercato europeo, quale è Heineken, scelga, attraverso il suo marchio italiano Birra Moretti, di inserirsi in questo filone.

Le Regionali di Moretti, presentate e assaggiate per la prima volta durante la scorsa edizione di Identità Golose, sono quattro: Toscana, Siciliana, Friulana e Piemontese. Ognuna è caratterizzata da una materia prima tipica del luogo: rispettivamente il farro, l’arancia, la mela renetta e il riso e il mirtillo rosso. Con l’esclusione del farro e del riso le altre materie prime compaiono tra gli ingredienti con la dizione “estratto di”. Come dicevo l’operazione non stupisce, in quanto l’industria oggi da un lato patisce (anche economicamente) la crescita che i birrifici stanno avendo ovunque, dall’altro il modo migliore per far parlare di sé è cavalcare u
filone già reso importante da altri, mettendosi così al loro livello. Ma le Moretti sono davvero al livello delle birre artigianali che le hanno precedute sullo stesso campo? Per rispondere l’unica cosa da fare era assaggiarle. E così bicchiere alla mano ecco a voi il risultato delle degustazioni.

IMG_5307

Birra Moretti alla Toscana – 5,5% 5047380SM

Ingredienti: acqua, malto d’orzo italiano, malto d’orzo toscano (5%), farro crudo, luppolo, aromi naturali

Schiuma di media grana e scarsa persistenza, Colore ambrato limpido. Naso molto semplice, con nota leggermente agrumata, vegetale (castagna cruda) e di cartone bagnato. Bocca piuttosto anonima, scorrevole, dolciastra pulita nel finale. Sottile sensazione di caramello e di castagna.

 

 

IMG_5308

Birra Moretti alla Siciliana – 5,8% 5028380SM

Ingredienti: acqua, malto d’orzo italiano, granoturco, luppolo, estratto di fiori di zagara siciliani, estratto d’arancia

Dorata con schiuma fine e piuttosto persistente. Al naso si caratterizza per una nota d’arancia (più simile a una bibita che non al frutto) molto intensa e pungente. La bocca è totalmente slegata. La nota d’arancia torna subito, invasiva, per poi diminuire. La gasatura è eccessiva e nel finale la birra lascia una leggera sensazione di aranciata (bibita) e leggermente amara.

 


IMG_5309

Birra Moretti alla Friulana – 5,9% 5042380HM

Ingredienti: acqua, malto d’orzo italiano, granoturco, luppolo, estratto di mela renetta friulana, aromi naturali

Dorata con schiuma fine e persistente. Naso dominato da una nota saponosa e di mela verde (più da bibita che non da frutto). Bocca priva di corpo con la nota aromatica di mela a fare da unica sensazione gustativa. Lascia in bocca una nota graffiante e pungente.

 

 

IMG_5310

Birra Moretti alla Piemontese – 5,5% (lotto illeggibile)

Ingredienti: acqua, malto d’orzo italiano, riso sant’Andrea piemontese (2,5%), luppolo, estratto di mirtillo piemontese, aromi naturali

Dorata con schiuma fine e persistente. Naso piuttosto muto con una leggerissima sensazione fruttata. Bocca priva di corpo, caratterizzata da una nota dolciastra e zuccherina nel finale che resta aggrappato e poco pulito.

 

 

 

Nel complesso, come emerge dall’assaggio, le Moretti fanno esattamente il contrario di quello che dovrebbe essere l’approccio birraio a questa tipologia di birre. Gli aromi della frutta emergono in modo sgraziato e pacchiano. L’arancia e la mela sembrano aromatizzazioni da bibita o da caramella. L’unica che non cade nel caricaturale è la toscana: essendo prodotta con due cereali finisce per non essere caratterizzata quasi per nulla, e questo è il suo principale pregio.

Conclusione. Non basta mettere qualche ingrediente del territorio nella propria birra per fare un prodotto interessante e buono. Vale per le artigianali, vale per l’industria. Infine una domanda. Ma se proprio si vuole competere con le produzioni artigianali, perché non mettersi a fare una birra semplice, senza particolari orpelli, ma ben fatta, senza scorciatoie di alcun tipo? Apprezzeremmo tutti molto di più.
E voi che ne dite?