Slow Food Heroes: Les Resistants e L’Avant-Poste, due baluardi contro il COVID-19

Florent Piard è un giovane ristoratore che con il suo lavoro di cuoco sostiene un’intera rete di produttori e i più vulnerabili della società.

Gli intenti di Florent Piard e dei suoi ristoranti, Les Resistants e l’Avant-Poste, sono azzeccati persino nel nome dei ristoranti. Florent, infatti, mira a rafforzare i legami con le zone rurali e gli agricoltori locali che rispettano l’ambiente, così come a preservare le conoscenze e i saperi tradizionali.

Dall’inizio della pandemia è in costante contatto con un centinaio degli agricoltori più colpiti dalla crisi: segue quotidianamente la loro situazione e offre il suo aiuto quando possibile.

slow food heroes«Ho 35 anni e vivo con la mia compagna e due bambini in un appartamento a Pantin, un comune al confine con Parigi. Ho dato vita a due ristoranti nel 10° arrondissement: Les Résistants e l’Avant-Poste. Qui lavoriamo direttamente con una rete di 250 produttori, viticoltori e artigiani.

Quando i ristoranti sono stati chiusi a marzo 2020, abbiamo chiamato tutta la nostra rete per valutare, settimana dopo settimana, chi era in difficoltà. Eravamo in costante contatto con un centinaio di agricoltori tra i più colpiti dalla crisi. Monitoravamo quotidianamente la loro situazione ed eravamo pronti a fornire assistenza se necessario. Cioè, se la loro situazione fosse diventata più difficile, avrebbero potuto chiamarci e avremmo cercato di trovare insieme una soluzione.

Fortunatamente, la stragrande maggioranza di questi agricoltori sono stati in grado di mantenere la loro attività quasi secondo i loro normali standard grazie alla diversità dei canali di distribuzione e alle iniziative collettive in cui sono coinvolti. Alcuni, tuttavia, sono stati più colpiti di altri, soprattutto quelli i cui prodotti sono deperibili o non facilmente conservabili. Questo è il caso dei produttori di frutta e verdura, così come dei pescatori. La situazione è stata complicata da una primavera mite, che ha colpito un grande volume di prodotti freschi. A questo si aggiunge la chiusura temporanea dei mercati all’aperto, che ha ridotto drasticamente le opportunità di vendita.

slow food heroes

L’aiuto alla rete

La soluzione principale che abbiamo sviluppato è stata la vendita di cesti contenenti i prodotti dei produttori in difficoltà due volte alla settimana.

L’iniziativa ha avuto molto successo e siamo riusciti a permettere ad alcuni produttori di conservare fino al 100% del loro fatturato. Abbiamo ripetuto questa iniziativa a novembre durante la seconda chiusura. Questo sottolinea l’importanza di non occupare un posto troppo importante nel fatturato di un produttore e di non creare una dipendenza reciproca.

slow food heroes

L’aiuto ai più deboli

In parallelo, abbiamo lavorato con quattro associazioni che aiutano principalmente i senzatetto e i migranti. Prepariamo in media 400-500 pasti a settimana. Queste fasce della popolazione hanno sofferto molto durante la crisi, molto più dei medici che hanno attirato l’attenzione del mondo, soprattutto durante il primo blocco.

Queste iniziative sono molto facili da replicare, purché si faccia rete con i produttori e l’ecosistema locale.slow food heroes

Ci sono molte azioni concrete che i ristoranti possono fare, e anche i loro clienti. Questi sono i passi fatti da Les Resistants:

  • pagare i fornitori. Sembra ovvio, ma è importante ricordare che questo è uno dei problemi principali per il flusso di cassa delle piccole imprese. Dobbiamo pensare a questo flusso di cassa collettivamente e non individualmente.
  • Visitare, se possibile, le fattorie vicine a noi, per sostenere l’agricoltura locale invece dei supermercati e dell’agroindustria.
  • Capire quali contadini fanno vendite dirette e quali hanno particolarmente bisogno di sostegno.
  • Dare la precedenza ai prodotti deperibili per evitare lo spreco; allo stesso tempo fare attenzione alle condizioni di distribuzione. Il rispetto delle misure sanitarie e la lotta contro la diffusione del virus sono fondamentali.
  • Dare sostegno finanziario agli agricoltori dove ci sono problemi di liquidità».

 

Le storie degli Slow Food Heroes dimostrano che lavorare insieme, come comunità, in armonia con la natura, è l’unica strada percorribile. Insieme abbiamo la capacità di adattarci rapidamente alle sfide e di rispondere in modo rispettoso del contesto e delle culture locali. Insieme possiamo progettare il nostro sistema alimentare sostenibile.

Hai una storia da condividere, o quella di altri Slow Food Heroes che conosci?

Ci piacerebbe leggerla e condividerla!

Raccontaci la tua esperienza su slowfood.com/slowfoodheroes

 

Slow Food Heroes è un progetto finanziato dall’European Cultural Foundation, con il contributo della Fondazione CRC.
  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • SiNo