Ogni due anni casari, affinatori, produttori, allevatori e appassionati si danno appuntamento a Bra in occasione di Cheese. È il più importante appuntamento di Slow Food sul latte crudo, ma la rete internazionale, negli anni si è mobilitata organizzando eventi in diversi Paesi e dando vita a tantissimi eventi Slow Cheese in tutto il mondo.

Dalla Danimarca alla Turchia, passando per l’Italia e la Germania, sono molti gli appuntamenti in cui la rete Slow Food celebra le piccole produzioni casearie e discute delle principali problematiche e delle prossime sfide.

Quali sono i criteri che permettono di indentificare un evento Slow Cheese

Ecco i 12 requisiti fondamentali:

  1. Deve essere organizzato da una o più comunità Slow Food o associazioni nazionali oppure la comunità o l’associazione nazionale devono essere tra i principali organizzatori dell’evento.
  2. Deve rispettare le regole di Slow Food sul fundraising.
  3. Deve promuovere l’adesione a Slow Food e alle sue principali campagne.
  4. Deve essere non un semplice mercato, ma anche un momento in cui si organizzano attività educative – come Laboratori del Gusto, conferenze o forum – per aumentare la consapevolezza su problemi e i temi legati alle produzioni casearie e alla loro sostenibilità.
  5. Il focus principale dev’essere la produzione artigianale di formaggi e, dove possibile, la priorità dev’essere data a quelle produzioni senza fermenti selezionati.
  6. Deve promuovere la cultura del latte crudo, sia lavorando con i produttori sia lavorando sulle politiche che rendano ovunque legale tale metodo di produzione. Dove possibile, devono essere esposti solo prodotti a latte crudo. Dove non è possibile, la presenza di formaggi pastorizzati deve essere adeguatamente motivata.
  7. Gli espositori devono essere incoraggiati a condividere con il pubblico quante più informazioni possibili sui propri prodotti e sul proprio lavoro, attraverso l’etichetta narrante o cartellonistica ad hoc. I formaggi esposti devono essere prodotti da latte dell’azienda o comprato localmente tra aziende che partecipano a progetti di piccola scala. Nel mercato non devono esserci formaggi che contengono conservanti artificiali, aromi, additivi, coloranti o prodotti che hanno subito una qualche forma di trattamento chimico.
  8. Deve promuovere, laddove presenti, le produzioni d’alpeggio o di territori marginali e pratiche di allevamento estensivo. L’uso di razze locali dove essere considerato una priorità.
  9. Deve creare consapevolezza riguardo al benessere animale.
  10. Deve essere organizzato in una location aperta, libera e accessibile per il pubblico senza vincoli.
  11. Deve essere organizzato nel rispetto della sostenibilità ambientale e sociale.
  12. Deve essere finalizzato alla costruzione di reti e alleanze, sia con i partner dell’evento sia tra i produttori.

Ecco i principali eventi Slow Cheese nel mondo!