«Salviamo gli ulivi curando la terra». La resilienza dei contadini del Salento

Carlo Petrini ci racconta dI come gli olivicoltori salentini proteggono le piante dal rischio Xylella

Francesco D’Urso coltiva olivi in Salento. A Grottaglie, in provincia di Taranto, porta avanti un’azienda agricola oramai secolare: «È da cinque generazioni che facciamo questo mestiere. Abbiamo 250 ettari di terreni, 40 mila alberi», racconta. Di una cosa è convinto: «La pianta è come una persona, se sta bene produce di più e meglio». Per questo motivo ha deciso di proteggere le sue piante dal rischio che vengano contagiate da Xylella, il batterio killer degli olivi salentini che imperversa dal 2013. In che modo? Utilizzando un concime fogliare a base di zinco, rame e acido citrico, consentito in agricoltura biologica, e curando il terreno e la pianta, ricorrendo ad arature dolci e regolari e potature frequenti. Il protocollo, suggerito dal ricercatore Marco Scortichini del Centro di Ricerca per l’Olivicoltura, Frutticoltura e Agrumicoltura (Crea) di Roma, sta dando risultati promettenti: «Io lo faccio da tre anni: l’azienda accanto alla mia sta tagliando le piante, le mie rendono bene», racconta D’Urso.

A sinistra gli olivi trattati

I PRODUTTORI RESILIENTI: CONTRO LA XYLELA SI CURA LA TERRA

L’olivicoltore di Grottaglie non è solo: in totale sono circa trenta i produttori che, tra le province di Lecce, Taranto e Brindisi (per un totale di circa 400 ettari), si sono opposti all’abbattimento degli olivi, la soluzione decisa dall’Unione europea per bloccare l’epidemia di Xylella fastidiosa. Chiamiamoli pure produttori resilienti: pur consapevoli che finora per non è stata trovata cura al batterio, hanno intrapreso una strada diversa dal taglio:

«In questo momento, ciò che si può fare è cercare di far convivere nel modo migliore la pianta e l’ospite indesiderato», spiega Francesco Sottile, agronomo dell’Università di Palermo.

Di metodo non ce n’è uno soltanto, ma tutti condividono la cura di terreno e pianta secondo l’approccio agroecologico, cercando di rendere dura la vita all’insetto che trasmette Xylella, la cicalina sputacchina. Francesco De Giuseppe, che con il padre gestisce un’azienda a Otranto, nel leccese, sta testando diverse tecniche. «Abbiamo circa mille piante, divise su diversi appezzamenti, per un totale di una decina di ettari», spiega. In alcuni campi ha adottato un protocollo a base di biostimolanti, in altri sta usando lo stesso concime fogliare di D’Urso, mentre in altri ancora cerca di lavorare «solo a livello organico, senza irrorare alcuna sostanza ed effettuando solo una buona potatura».

La piana di Otranto

LE AZIONI IN CAMPO PER ARGINARE IL DISSECAMENTO DEGLIO OLIVI

Un mix di tecniche, iniziate un anno e mezzo fa, tutte finalizzate a raggiungere lo stesso obiettivo, cioè arginare il disseccamento degli olivi. Gli effetti, assicura De Giuseppe, ci sono: «Tra le campagne dove abbiamo applicato le tecniche e i terreni dove non abbiamo fatto niente la differenza si vede. I disseccamenti, in ogni caso, non si bloccano all’improvviso, ma rallentano». Niente miracoli, insomma, ma ottimi segnali. Molti produttori hanno infatti ricominciato a raccogliere le olive e a portarle in frantoio, con una resa che oscilla tra i 40 e i 60 quintali a ettaro.

La zona trattata

Olio buono, di qualità: se fino a una ventina di anni fa dal Salento proveniva soprattutto il cosiddetto lampante, l’olio d’oliva di minor qualità, grazie al lavoro di squadra la produzione è andata man mano affinandosi. Lo testimonia il fatto che, anche nell’edizione di quest’anno delle Guide agli extravergini (in uscita nelle prossime settimane e dove vengono recensiti i migliori oli d’Italia), ci sono sei aziende del leccese, in piena zona rossa da emergenza Xylella. Ostinazione verso un cambio di mentalità che sta dando risultati interessanti anche dal punto di vista del riconoscimento economico dell’olio che può affrontare a testa alta un mercato di qualità.

VERSO UNA NUOVA COMUNITÀ SLOW FOOD

Dal tacco d’Italia, insomma, arriva una speranza, al punto che da questa esperienza potrebbe nascere una Comunità Slow Food di olivicoltori resilienti che producono un olio extravergine. Un modo per stare al fianco dei produttori che si sono rimboccati le maniche. Un impegno che ha consentito anche di salvare piante secolari e assicurare la biodiversità dell’area, minacciata dal taglio indiscriminato. È anche dalla caparbietà dei produttori che, in futuro, potranno nascere nuovi metodi per combattere il batterio killer: «Magari tra un anno o due troveremo un trattamento ancora più efficace. L’importante è sottolineare la volontà di resistere degli agricoltori che hanno smentito chi, nel 2013, non vedeva altra soluzione oltre al taglio delle piante»,  Gianluigi Cesari, ricercatore dell’Istituto Agronomico Mediterraneo, in passato membro della Task Force della Regione Puglia su Xylella.

Carlo Petrini

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • SiNo