In Europa e in Italia, la politica punti sull’agricoltura di piccola scala e di prossimità

Questo annus horribilis ci sta restituendo una visione della produzione agricola molto fragile soprattutto nelle filiere locali del cibo, cioè in quelle filiere che sono legate al consumo di prossimità, alla relazione tra produttore e trasformatore, alla narrazione dei prodotti e che richiedono oggi un concreto sostegno delle politiche territoriali.

Un sistema andato in crisi e che ha fatto ogni sforzo per tentare di risollevarsi mettendo in atto anche percorsi nuovi.

Da qui bisogna partire per capire come rafforzare un sistema di produzione che non può e non deve rimanere ai margini dell’interesse e dell’attenzione politica, ma deve conquistare sempre maggiore spazio e dare valore al proprio contributo a favore di una reale transizione ecologica.

Politiche alimentari Ue
Presidio Slow Food della fresa di ittiri © Antonia Deiana

Politiche alimentari Ue puntino all’agricoltura di piccola scala e di prossimità

Abbiamo bisogno di una politica agricola comunitaria, di piani strategici nazionali che volgano lo sguardo al mondo dell’agricoltura di piccola scala (che non è chiamata così perché rappresenta una minoranza) costituita dalle migliaia e migliaia di piccole aziende agricole che insieme sono tessere di un mosaico di valore inestimabile per il ruolo importantissimo che giocano dal punto di vista agronomico, ecologico e culturale oltre che economico.

Non si può condividere alcuna politica che dia maggiore forza al mondo agricolo industriale creando substrato fertile per un modello di produzione che non riesce a tenere in considerazione il valore della biodiversità, del benessere animale, dell’uso oculato e attento delle risorse naturali. I produttori responsabili, e insieme a loro i consumatori consapevoli, hanno compreso da tempo il ruolo politico che possono giocare in questo percorso. Tuttavia, abbiamo bisogno che il settore agroalimentare in Italia e in Europa viaggi con regole e opportunità uguali per tutti; solo allora si potrebbe cominciare a parlare di mercato realmente libero, condizionato solo dalle capacità e dal saper fare, saper produrre qualità.

Biodiversità, agroecologia, benessere animale, interruzione del consumo di suolo. Ecco le parole chiave per la ripartenza

Politiche alimentari Ue
Presidio Slow Food razza piemontese

Biodiversità, agroecologia, benessere animale rappresentano perni centrali della nostra visione politica, come lo è l’interruzione del consumo di suolo. Il consumo di suolo non è soltanto cementificazione, ma è anche uso smodato di pesticidi, di erbicidi, eccessivo impiego delle lavorazioni, quindi perdita di fertilità. Noi perdiamo annualmente suolo in tutta l’Europa. Abbiamo la necessità di interrompere questo processo di desertificazione a vantaggio della possibilità di continuare a produrre cibo nella nostra Unione Europea e in Italia. Vogliamo però provare a immaginare questo nostro futuro con gli occhi della positività sottolineando oggi quanto ci sia bisogno di una politica agricola comunitaria capace di leggere attentamente e tradurre perfettamente in azioni pratiche e in politiche efficaci le ambizioni della Farm to Fork e della strategia biodiversità.

Abbiamo bisogno di una Pac che sia anche capace di fare da monito agli Stati membri per dare vita a piani strategici nazionali capaci di leggere le esigenze agricole dell’Italia intera, senza guardare a una parte del mondo agricolo, ma cercando di mettere a valore l’enorme e straordinaria diversità del mondo produttivo che c’è nel nostro Paese. Allora, questo probabilmente è il passo più importante per intraprendere la strada verso la transizione ecologica.

Il consumatore italiano sceglie il bio

Politiche alimentari Ue

È vero che noi siamo il Paese con la maggiore presenza di agricoltura biologica, ma questo lo dobbiamo ai nostri agricoltori che ci hanno creduto e anche ai consumatori che hanno compreso quanto importante sia investire nell’ecologia facendo la spesa. In un recente rapporto presentato al Sana si è evidenziato quanto sia sentita nel consumatore italiano la transizione ecologica, quanto sia sentita la necessità di rivolgersi a prodotti biologici per essere parte di questa transizione. Ecco su questo dobbiamo concentrare l’attenzione per cercare di essere esigenti sul ruolo che l’Unione Europea deve svolgere per garantire che tutto ciò accada a vantaggio dei produttori, dei consumatori e dell’ambiente.

Francesco Sottile
Da il manifesto dell’11 novembre.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • SiNo