Un picnic… da manuale!

Un picnic rende felici tutti, senza grandi sforzi: è sufficiente disporre dell’indispensabile e conoscere ricette gustose, facili da preparare e trasportare, ottime da assaporare fredde in una bella cornice. E quale occasione migliore di oggi, la giornata mondiale del picnic, per dare il via alla stagione dei pranzi all’aperto? Per un’organizzazione perfetta, all’insegna della semplicità e della condivisione, affidatevi ai consigli del ricettario di Slow Food Editore Grigliate e picnic.

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO -> bit.ly/GrigliatePicnic_SF

 

Organizzare un picnic

Dove?

Lontano da strade trafficate per non farsi avvelenare dai gas di scarico dei veicoli:

  • un prato
  • una bella valle
  • un’aia in campagna
  • uno spiazzo montano
  • la spiaggia
  • un parco

Che cosa si deve portare?

  • una tela cerata quando c’è il rischio che ci sia umidità per terra
  • una coperta
  • una tovaglia – preferibilmente di tessuto –, da stendere sulla coperta se si mangia sull’erba o sui tavolini delle aree attrezzate
  • per ridurre la produzione di rifiuti, piatti di porcellana, posate di acciaio, bicchieri di vetro e tovaglioli di stoffa, oppure stoviglie in materiali compostabili
  • acqua, vino, birra o bibite
  • un coltello affilato per pane, salumi, formaggi
  • un apribottiglie
  • se non c’è una fontana nei dintorni, bottiglie di acqua per lavarsi le mani
  • sacchetti per i rifiuti con la raccomandazione di differenziarli
  • un cesto pieno di cose buone: panini, tramezzini, uova sode, frittate, torte salate, focacce, insalate di pasta, di riso o di ortaggi ma anche piatti più elaborati e – perché no? – una crostata o un altro dolce
  • frutta di stagione e verdura cruda già lavata
  • un thermos di buon caffè
  • scarpe comode e indumenti sportivi possibilmente a strati
  • un pallone, racchette da tennis, carte o qualche gioco da tavolo

Non ci sono regole precise né orari da rispettare, non c’è un menù vero e proprio, ognuno porta qualcosa e si mangia tutti insieme. Che ne dite di queste due ricette semplici e appetitose?

Plumcake ai peperoni

2 etti di farina di farro
8 g di lievito
2 etti di peperoni stufati
un ciuffetto di basilico
2 uova
mezz’etto di parmigiano reggiano
olio extravergine di oliva
sale, pepe

Battete in una ciotola le uova con un cucchiaio di olio, il basilico tagliuzzato, il parmigiano grattugiato e, in ultimo, una parte dei peperoni stufati tagliati a listarelle. Mescolate in una terrina la farina con il lievito e unite la crema di uovo e peperoni. Amalgamate bene il tutto e versatelo in uno stampo da plumcake.
Decorate la superficie con i peperoni rimasti e infornate a 180°C per una mezz’ora, fino a quando la superficie non apparirà dorata.

 

Tomini sott’olio

2-3 caprini freschi
un ciuffetto di prezzemolo
mezzo spicchio di aglio
un pezzetto di peperone (facoltativo)
un filetto di acciuga sott’olio
mollica di pane
aceto di vino bianco
olio extravergine di oliva
sale

Ammollate in poco aceto la mollica di pane. Servendovi di un coltello affilato o della mezzaluna, sminuzzate finemente il filetto di acciuga, l’aglio, il prezzemolo e, se volete, il peperone.
Amalgamate il trito a un cucchiaio di mollica strizzata, incorporate l’olio che sarà assorbito dal composto e aggiustate di sale. Adagiate i tomini nel barattolo, copriteli con la salsa e lasciate insaporire per almeno un paio di ore.

 

Grigliate e picnic

Pp. 128

Prezzo al pubblico: 9,90 €

Prezzo online: 8,42 €

Prezzo soci Slow Food: 6,93 €

 

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • SiNo