Patrick Ricci – pizzaiolo e artigiano per l’Alto Apprendistato Unisg

L’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche avvia nel 2013 i primi corsi di Alto Apprendistato volti a preparare le figure professionali più richieste dal settore alimentare: il panettiere, il pizzaiolo, il mastro birraio, il norcino, l’affinatore di formaggi e chi governa la sala di un ristorante.  Aula e bottega sono le due anime integrate e armoniche del percorso formativo in cui i saperi umanistici e tecnologici delle scienze gastronomiche dell’ateneo di Pollenzo si intrecciano con il savoir faire dell’eccellenza artigiana della rete di Slow Food. Vogliamo presentarvi i nomi, i volti e le testimonianze degli artigiani italiani che hanno scelto di aderire al progetto formativo Unisg, accogliendo gli studenti di Pollenzo nei loro laboratori durante le visite didattiche e i tirocini formativi. Perché oggi imparare il mestiere di pizzaiolo, panettiere e mastro birraio può essere una chance per il futuro? Quali sono gli “ingredienti” fondamentali per intraprendere queste professioni? Ecco che cosa ci hanno risposto.

Oggi vi presentiamo Patrick Ricci della Pizzeria Pomodoro e Basilico – San Mauro Torinese

«Per questa professione non basta la passione, occorre anche tanta buona volontà» ci racconta Patrick Ricci l’inventore di “Pomodoro & Basilico”, l’officina artigianale della pizza alle porte di Torino. Dell’Alto Apprendistato dice: «Ho partecipato al progetto Alto Apprendistato perché penso sia un dovere trasmettere  conoscenza e non celarla. Il sapere artigiano e quello del pizzaiolo in particolare, progredisce solo attraverso la trasmissione».
C’è futuro per i pizzaioli?
«Oggi viviamo in un momento di crisi generale di valori e di identità. Il pizzaiolo è un mestiere importante da tutelare che, assieme ad altre professioni, se esercitate con serietà e competenza, aiuta a mantenere un equilibrio nella società».

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • SiNo