Le Priceless Experience di Mastercard chiudono in bellezza: in alto i calici per il re Nebbiolo

L’iconico vino piemontese è il protagonista delle degustazioni online del 4 e del 25 maggio organizzate da Slow Food e Mastercard e disponibili in esclusiva su Priceless.com.

In degustazione il Nebbiolo Cainassa 2020 della cantina Marco e Vittorio Adriano ad Alba (Cn), nel cuore delle Langhe; e il Nebbiolo Canavese Sust 2018 della cantina Cieck di San Giorgio Canavese (To).

Quella dei fratelli Marco e Vittorio Adriano è la storia di una grande famiglia contadina che ha rifiutato di abbandonare la terra quando valeva poco o niente e tutti scappavano verso la città e le fabbriche. Originaria dell’Alta Langa, negli anni Sessanta la famiglia si è spostata a San Rocco Seno d’Elvio, una frazione di Alba, dove ha iniziato a produrre uva, frutta e nocciole, e ad allevare bovini. Un classico esempio di azienda agricola a conduzione familiare, una vera tradizione in Piemonte.

degustazioni online vini

Negli anni ‘90 prendono in mano l’azienda Marco e Vittorio che, con le mogli Luciana e Grazia, si concentrano soprattutto sulla produzione enologica, di fatto stravolgendo l’attività per puntare sulla viticoltura. Per necessità, infatti, rinunciano al frutteto, ma tengono i 12 ettari di noccioleto che consentono una continua attività agricola.

Dal 2014 arriva anche Michela, la figlia di Vittorio, un esempio della nuova generazione coinvolta a tempo pieno nella vita di questa azienda a fortissima impronta familiare. È lei a presentare l’azienda: «La nostra filosofia è semplice: la qualità in cantina si ottiene con la cura della vigna. Che riusciamo a ottenere anche grazie alla grande attenzione che abbiamo per le persone che lavorano con noi».

La maggior parte delle vigne si trova nel territorio del Barbaresco: «Fino agli anni Cinquanta, la vallata in cui lavoriamo ricadeva nella zona del Barbaresco. Poi è diventa Comune a sé, ma mantiene dal punto di vista geologico e morfologico le caratteristiche della terra del Barbaresco».

degustazioni online vini nebbiolo

In vigna si lavora con grande rispetto della terra: «Abbiamo abbandonato il diserbo chimico 17 anni fa e adottato un approccio delicato rinunciando a fitosanitari sistemici. Questo richiede più lavoro, ma abbiamo scelto di seguire appieno la pianta per procurarle meno stress possibile. In questo modo ritroviamo l’equilibrio che cerchiamo nella vigna anche nei nostri vini», conferma Michela fiera dei risultati raggiunti: «Sui rossi, abbiamo ridotto i solfiti al minimo e dal 2015 siamo riusciti ad avere la fermentazione usando lieviti indigeni. Per noi sono due traguardi di cui siamo orgogliosi!».


Vino in degustazione Nebbiolo Cainassa 2020. Un Nebbiolo di Langa, che sorprende perché tutto giocato su note giovanili. Un effetto garantito dall’affinamento in acciaio, senza nessun passaggio in legno. Assaggerete quindi un vino giovane, con una bella grinta, dal frutto croccante e un tannino vibrante che lo rende molto beverino. Insomma, piacevole anche all’aperitivo.


E dalle Langhe ci spostiamo nell’Alto Piemonte, dove Remo Falconieri fonda la sua azienda Cieck quasi per gioco: Remo, figlio di contadini e progettatore di macchine da scrivere all’Olivetti, voleva dare vita a una piccola Casa spumantiera. Inizia dalle basi viaggiando in Francia deciso a imparare a fare spumante come si deve. Finché nel 1985, lavorati pochi ettari di vigneto, dà il via alla prima vinificazione: poco più di 2500 bottiglie di Erbaluce Metodo Classico.

Un esperimento diventato culto e che gli valse l’appellativo di «Archimede delle bollicine» dato dal fondatore di Slow Food, Carlo Petrini. Oggi, con le sue 88 primavere sulle spalle, rimane il punto fermo di un’azienda che si è ritagliata un ruolo importante sul mercato vitivinicolo nazionale e internazionale, ottenendo anche numerosi riconoscimenti di pubblico e di critica e conosciuta soprattutto per il grande lavoro di valorizzazione del territorio in cui opera. Insieme a Remo oggi c’è la figlia Lia con il socio Domenico Caretto (l’agronomo), che sotto l’egida di Remo hanno portato questa realtà a essere unanimemente riconosciuta come una delle maison storiche del Canavese. E non solo. I vini ben rispecchiano sostanza e morfologia del Canavese: i vigneti si trovano tra i 300 e i 350 metri di altitudine, su terreni di origine fluvioglaciale, ricchi di sabbie e sostanze minerali.

Oggi la bella cantina rispecchia la filosofia innovativa di Lia e Domenico, che non hanno rinunciato al rispetto della tradizione in ogni passaggio della filiera.

degustazioni online vini nebbiolo


Vino in degustazione Nebbiolo Sust 2018. In questa area pedemontana, ritroviamo la freschezza del Nebbiolo dell’Alto Piemonte. Il Sust 2018 è un vino di struttura, giocato su un frutto maturo e una speziatura interessante, che arriva dall’affinamento di 18 mesi in tonneaux. Ecco che avremo una beva un po’ più impegnativa e strutturata.

Noterete una bella spinta acida dovuta dalla consistenza dei terreni di origine morenica: tutto il Canavese è figlio del Ghiacciaio del Monte Bianco, con terreni sabbiosi e sassosi che conferiscono la bella acidità caratteristica dei vini del Canavese. E il Sust 2018 ne è una fedele espressione.


Slow Food e Mastercard insieme per la difesa della biodiversità locale

Partecipare è semplice: è sufficiente essere titolari di una carta Mastercard, iscriversi su Priceless.com e prenotare l’esperienza. Riceverete direttamente a casa il kit con i vini delle due cantine. Il link per collegarsi all’esperienza online e la seguente video registrazione verranno forniti via e-mail ai singoli partecipanti.

La collaborazione tra Mastercard e Slow Food, iniziata nel 2021, ha l’obiettivo di sostenere e promuovere i produttori che, con il proprio lavoro, difendono la biodiversità locale e mantengono vive le tradizioni culinarie del nostro Paese. Le degustazioni online sono dunque l’occasione per consolidare il legame con i consumatori, promuovere una cultura del cibo che si poggia su consumi consapevoli e sottolineare l’importanza di una sana alimentazione che assicuri un futuro agli ecosistemi in cui viviamo.

Il ricavato derivante dalla partecipazione alle degustazioni sarà devoluto da Mastercard a sostegno di Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus e dei suoi progetti che, da sempre, si pongono l’obiettivo di supportare concretamente i produttori e le loro produzioni.