Eventi & News

Le Comunità di Slow Food nel Lazio

Le prime tre comunita nel Lazio:

Comunità orticolture Tivoli, si inserisce nel contesto dell’agricoltura familiare, ma anche della conservazione e valorizzazione del paesaggio e del territorio, ricco di testimonianze anche storico artistiche. L’occasione è stata la cessione da parte di un socio, in comodato ( credo) di terreni vicini Villa Adriana  a dei soci che volevano coltivare piante  provenienti da semi ed essenze locali, creando quindi degli orti. La comunità è attenta anche a fare di questi orti un punto di aggregazione sociale per poter portare avanti queste pratiche e per favorire lo sviluppo e la conoscenza del proprio territorio

Dichiarazione fondativa della comunità Slow Food Tivoli e Valle dell’Aniene

Comunità della Rete giovani di Roma , rappresenta il nostro futuro, un passaggio importante del testimone nella prosecuzione dell’attivismo di Slow Food.

comunità SFYN ROMA

Comunità nocciola della Tuscia, si inserisce in un contesto territoriale dove si sta diffondendo sempre di più la monocultura del noccioleto, con tutte le problematiche relative a  perdita di biodiversità e utilizzo di prodotti chimici. La creazione di una comunità a cui possono aderire coltivatori di nocciole in biologico e in conversione biologica, e con attenzione alla salvaguardia delle altre specie esistenti, è particolarmente importante, rappresentando un modello virtuale ed alternativo che corrisponde al nostro sentire, per la coltivazione di questi alberi.

Dichiarazione comunità fondativa Nocciola Tuscia

 

Clicca qui per aprire fondare una Comunità Slow Food