Importante premio alla rete Cittaslow

Il prossimo11 giugno l’Accademia del silenzio assegnerà un importante premio a Cittaslow per l’impegno a promuovere una cultura del “silenzio, della pausa e del giusto ritmo”.
L’Accademia è nata a gennaio, con il supporto di Università Bicocca e Libera Università di Anghiari e si propone sia come centro di studio sul silenzio sia come associazione di promozione e attività sul territorio per una nuova ecologia del silenzio.

Il premio viene assegnato ad enti e associazioni no profit o persone fisiche che si siano distinte, nel corso dell’anno, per la loro attività di tutela del territorio in termini di contenimento dell’inquinamento acustico, preservando aree protette e promuovendo iniziative di riduzione del rumore e del traffico urbano, e di sostegno a un’ecologia del silenzio e dell’ascolto, del rispetto dei luoghi e delle persone.

Il Premio Accademia del silenzio 2011 viene assegnato a Citta slow con la seguente motivazione:
“Fra le tante declinazioni del silenzio che Accademia promuove, c’è quella di cogliere l’occasione del silenzio come pausa e cambiamento di ritmo, per sperimentare che rallentare è un recupero (e non una perdita) di tempo e che, nell’accelerazione complessiva dei nostri stili di vita, quel che va perso è il pensiero libero.
La rete di Cittaslow coglie perfettamente le istanze di una nuova militanza del silenzio. A partire dal suo statuto, in particolare per il riferimento ai valori di tutela della qualità della vita:
-di una politica ambientale volta a mantenere e sviluppare le caratteristiche del territorio (con particolare riferimento al punto 9: programma di controllo e riduzione dell’inquinamento acustico),
-di una politica delle infrastrutture orientata alla valorizzazione del territorio e non alla sua colonizzazione (con particolare riferimento al punto 4: piste ciclabili e piani per favorire la mobilità alternativa al mezzo privato),
-di una qualità urbana e dell’ospitalità (con particolare riferimento al punto 7: piano per l’insonorizzazione delle zone rumorose).
Accademia del silenzio premia altresì Cittaslow per la sua lungimirante sottoscrizione, nel 2005, del Manifesto del silenzio, alla cui divulgazione, applicazione e incremento, di concerto con Cittaslow, d’ora in poi contribuirà.