Slow Food al Congresso mondiale Ifoam

Carlo Petrini, presidente Slow Food, Vandana Shiva, vicepresidente Slow Food, Roberto Burdese, presidente Slow Food Italia e Piero Sardo, presidente della Fondazione Slow Food per la Biodiversità, parteciperanno al sedicesimo Congresso mondiale Ifoam (International Federation of Organic Agriculture Movements) dal 16 al 20 giugno a Modena, evento dedicato ad approfondire i quattro principi cardine dell’agricoltura biologica: la salute, l’ecologia, l’equità solidale e la cura.

«In questo periodo di rialzo dei prezzi dei generi alimentari, diventa fondamentale l’implementazione e lo sviluppo dell’agricoltura biologica, che non deve essere messa in discussione da fuorvianti attacchi strumentali. L’introduzione dei prodotti bio nella ristorazione collettiva (mense scolastiche, ospedaliere, universitarie ecc.) diventa un passo fondamentale per far sì che questi alimenti, da settore elitario quali erano un tempo, entrino a far parte della nostra dieta quotidiana» dichiara Carlo Petrini, il quale interverrà alla cerimonia di apertura del Congresso martedì 17 giugno dalle ore 17.30 nella Piazza Grande di Modena e alla sessione plenaria Ecologia e Cura, assieme a Vandana Shiva, mercoledì 18 giugno dalle ore 9.00 al Parco Novi Sad.

Il ruolo di Slow Food Italia nella difesa della biodiversità sarà illustrato da Roberto Burdese nella sessione mattutina dell’incontro, coordinato dal prof. Ettore Tibaldi, di mercoledì 18 L’Agricoltura biologica in rapporto alla conservazione della natura e della biodiversità, presso la Camera di Commercio (Sala Leonelli, inizio ore 11.15).

Sempre mercoledì 18 in Piazza Tien An Men 5, dalle ore 11.00 si svolgerà il seminario, suddiviso in due sessioni, Lo sviluppo rurale contro la povertà attraverso la sostenibilità dell’agricoltura, la biodiversità e l’equità. Buone pratiche contro la fame, organizzato da Cefa-Il seme della solidarietà, Slow Food e Fairtrade Italia. La mattina si parlerà di Cooperazione partecipativa con un intervento tra gli altri di Piero Sardo, presidente della Fondazione Slow Food per la Biodiversità.
L’ong Cefa – Il seme della solidarietà, la Fondazione Slow Food per la biodiversità e Fairtrade Italia (marchio di certificazione dei prodotti equosolidali) sono uniti in un percorso culturale nell’ambito del progetto triennale cofinanziato dall’Unione Europea Sustainable agriculture, biodiversity protection and fair trade, together against poverty.