Oggi il Senato all’unanimità approva la mozione sull’etichettatura

Oggi il Senato, con l’approvazione all’unanimità della mozione (proposta dalla Senatrice dei Verdi Loredana De Petris) che impegna il Governo italiano a discutere in sede europea l’estensione dell’etichettatura di origine a tutti i prodotti alimentari, ha dato un forte segnale in difesa del cittadino-consumatore e degli stessi imprenditori agricoli.

“Questa decisione, che conferma quella presa già dalla Commissione Agricoltura della Camera – sottolinea Roberto Burdese, presidente di Slow Food Italia – esprime con chiarezza l’indirizzo politico da tenere a proposito dell’agroalimentare. Va nella direzione auspicata da Slow Food e Coldiretti con l’iniziativa di raccolta firme a sostegno della legge 204 del 2004, che ha introdotto l’obbligo di etichettatura d’origine per i prodotti alimentari. La mozione, ed è questo un passaggio fondamentale, invita il Governo a farsi promotore presso l’UE per estendere l’etichettatura di origine a tutti quei prodotti non ancora soggetti all’obbligo. Non è un provvedimento che interessa solo l’Italia, ma come sosteniamo, un’opportunità per tutta l’Europa”.

“Ci aspettiamo ora – continua Roberto Burdese – che il Governo italiano dia un segnale applicando la legge 204/2004 ai settori che ancora attendono di essere regolamentati primo fra tutti quello dell’olio di oliva”.

La mozione approvata oggi apre la strada affinché una legge valida possa avere piena applicazione e l’Italia farsi portavoce in Europa di una politica di trasparenza in campo alimentare contro le contraffazioni e nel rispetto della libertà di scelta del consumatore.

Slow Food e Coldiretti proseguono la campagna “Difendiamo l’etichetta! Vogliamo conoscere l’origine dei prodotti che mangiamo” con la raccolta firme che sta riscuotendo un grande consenso sia dai consumatori sia dai produttori: per maggiori informazioni e per firmare l’appello www.slowfood.it.