Le Marche a Cheese 2007

Tutta la casearia marchigiana ha origini contadine, addirittura familiari. Qui in passato il formaggio era destinato prevalentemente all’autoconsumo, e ottenuto quasi sempre dalla mungitura di pecore o capre, perché era più semplice governare greggi ai pascoli, piuttosto che accudire mandrie di bovini. Queste antiche tradizioni marchigiane si possono scoprire a Cheese 2007.

Da non perdere i tradizionali Laboratori del Gusto: seduti ai banchi come durante una lezione, i partecipanti assaggiano i formaggi proposti con l’aiuto di esperti e produttori.

• Ven 21 h. 16.00, Dolce formaggio. Cascioni (o picconi) delle Marche, cannoli della Sicilia, torta di ricotta e pere e torta tramontina della Campania insieme alla ricotta candita dell’offelleria Rizzati di Ferrara, per un laboratorio che si propone di andare alla scoperta del lato dolce del formaggio. Tra i vini dolci che accompagneranno la degustazione anche il Melizie di Mastroberardino. – LC06
• Sab 22 h. 13.00, Pecorini stravecchi. Pecorino dei Monti Sibillini (Marche), fiore sardo dei pastori e pecorino di Osilo (Sardegna), maiorchino (Sicilia), pecorino balognese (Campania) e canestrato di Castel del Monte (Abruzzo), per un assaggio che conduce i partecipanti al laboratorio alla scoperta dell’evoluzione nel tempo dei formaggi a latte ovino. In abbinamento a questi Presìdi Slow Food i mieli di MieliThun e una selezione di etichette delle aziende del Gruppo Italiano Vini. – LC12

Nell’area dedicata ai Presìdi Slow Food in via Principi di Piemonte, si può degustare e acquistare un prodotto unico, frutto della tradizione casearia marchigiana: il pecorino dei Monti Sibillini. I pecorini dei Sibillini sono due: uno fresco e presente tutto l’anno, l’altro fatto con latte crudo, semicotto e stagionato. Soltanto il secondo è il formaggio del Presidio. Attualmente questo formaggio sopravvive soltanto grazie a qualche appassionato che alleva ancora le pecore sopravvissane (rara razza locale) e segue la tecnica tradizionale. Il Presidio ha dovuto quindi partire da zero: recuperare una razza, sistemare i locali di caseificazione, coordinare i produttori e infine promuovere il loro formaggio.

In Piazza Carlo Alberto e Piazza Roma si trova il Grande Mercato dei Formaggi che ospita casari, selezionatori e affinatori da tutto il mondo; per le Marche:

• Gastronomia Beltrami, Cartoceto (Ps) – Stand B91-B92
• Gruppo Fattorie Italia, Jesi (An) – Stand S28