La rigenerazione urbana non può essere separata dall’arresto del consumo di suolo

Il Forum Salviamo il Paesaggio segue con crescente disagio l’iter in Commissione Ambiente del testo unificato dei sei disegni di legge presentati in Senato in materia di rigenerazione urbana.

Nello scorso autunno la Commissione aveva ospitato un fitto ciclo di audizioni che avevano sollecitato l’opportunità di operare un accorpamento tra DDL differenti per il loro oggetto ma riconducibili al tema attualissimo della rigenerazione urbana e che hanno portato alla presentazione di un testo unico che prevedeva la scadenza del 31 marzo per la consegna dei documenti di osservazione, poi prorogata al 16 aprile. Lo scorso 7 aprile il testo unificato è stato esaminato in aula e non sono mancate critiche profonde da una parte delle forze politiche.

Anche il Forum Salviamo il Paesaggio valuta in maniera fortemente critica questo DDL “forzato”, ma per ragioni diametralmente opposte.

La rigenerazione urbana deve essere legata in maniera all’arresto del consumo di suolo

Abbiamo, infatti, sempre sostenuto che la rigenerazione urbana (costruire sull’esistente) rappresenti un elemento essenziale per la qualità delle nostre città e paesi, ma debba essere legata in maniera indissolubile all’arresto del consumo di suolo.

In tal senso ci eravamo espressi formulando una nostra precisa Proposta di Legge (“Norme per l’arresto del consumo di suolo e il riuso del suolo urbanizzato”) fatta propria dal Movimento 5 Stelle e presentata alle Camere nel medesimo giorno del loro insediamento nel marzo 2018 (AS164, prima firmataria Paola Nugnes), poi incardinata in Senato e incomprensibilmente abbandonata da ormai più di un anno.

© Stefano Scavino

La proposta di legge

In tale proposta normativa risultavano chiaramente collegati i temi della rigenerazione urbana e del contrasto al consumo di suolo proprio partendo dall’assunto che la rigenerazione urbana, se regolamentata da sola, rischia di trasformarsi in un semplice elemento di rendita collegato a pochi ambiti di territorio, magari in contesti privilegiati; affinché si possano ricreare funzioni ecosistemiche, è necessaria una reale tutela e rigenerazione ambientale in cui trovi spazio anche la rigenerazione sociale.

«La rigenerazione urbana, per essere sostenibile, è rigenerazione senza consumo di suolo», come ha ribadito anche una fonte scientificamente autorevole e indipendente quale l’ISPRA durante le audizioni in Commissione.

Riteniamo pertanto che l’aver “congelato” il nostro DDL e averlo “sdoppiato in due tronconi” (il testo unificato di cui sopra e il DDL “Disposizioni per l’arresto del consumo di suolo agricolo e delega al Governo per il riordino delle disposizioni vigenti in materia di governo del territorio e contrasto al consumo di suolo agricolo”, prima firmataria la senatrice Elena Fattori) sia un errore perché rigenerazione urbana e arresto di consumo di suolo sono elementi che, se realizzati insieme, risultano più efficaci per fermare la continua perdita di suolo libero e agricolo nel nostro Paese, che rappresenta una vera e propria emergenza conclamata.

Dividerli ha il preciso significato politico di eludere il tema del consumo di suolo.

L’appello alle forze politiche

Ancor più grave se pensiamo al ruolo essenziale che i suoli esercitano nel contrasto al cambiamento climatico e particolarmente miope – dal punto di vista politico – in un momento in cui il Next Generation Eu offre a interventi strutturali legati alla transizione ecologica anche ingenti risorse finanziarie.

Il Forum Salviamo il Paesaggio sollecita, dunque, tutte le forze politiche e i membri delle Commissioni Ambiente e Agricoltura del Senato a rivedere i propri intendimenti e riprendere, con forza, l’iter del Ddl “madre” (AS164) per dare al Paese una norma nazionale dalla duplice finalità: garantire la salvaguardia ecosistemica e indirizzare il futuro dell’intero comparto edile.

La ripresa e la resilienza dell’Italia dimorano in questo testo di legge, ma occorre una volontà.

Alessandro Mortarino
redazione@salviamoilpaesaggio.it

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • SiNo