Con Fish Tales il pesce “raccontato” dalla rete alla tavola

Nell’ambito della seconda edizione di Slow Fish, Salone della pesca sostenibile, dopo il grande successo della prima giornata (circa 1500 tra bambini e ragazzi), si svolgono anche oggi, in tre appuntamenti alle 9.30, 11.00 e 12.30, i laboratori didattici dedicati a studenti delle scuole elementari e medie liguri e piemontesi, intitolati Fish Tales – Storie di pesce. Realizzati da Slow Food con il sostegno della Fondazione Carige e in collaborazione con l’Acquario di Genova e le associazioni liguri dei pescatori AGCI Pesca, Confcooperative, Federcoopesca, Legacoop Lega Pesca, i tre laboratori sono gestiti da biologi marini e pescatori. L’iniziativa si inserisce nel progetto di Educazione al Gusto promosso da Slow Food all’interno delle scuole italiane di ogni ordine e grado. Per i tre laboratori di stamattina è prevista la presenza di circa 700 bambini e ragazzi: un successo al di sopra di ogni aspettativa. I pesci presi in esame sono il tonno, l’acciuga, il merluzzo, oltre allo Zerro, piccolo pesce dimenticato dal mercato ma assurto a simbolo dei Fish Tales. Nel corso di circa un’ora e mezza, utilizzando un linguaggio semplice ma mai banale, i relatori conducono bambini e ragazzi attraverso un percorso di conoscenza che comincia con la narrazione dei diversi tipi di pesca, prosegue con la descrizione delle varie tecniche di trasformazione e si conclude con un esame organolettico e una degustazione di quattro prodotti: acciuga sotto sale, tonno sott’olio, Zerro marinato in aceto, stoccafisso. A conclusione del laboratorio, tutti i partecipanti ricevono una copia del quaderno Fish Tales – Storie di pesce, dove il percorso è riproposto in forma di fumetto grazie alle illustrazioni di Cinzia Ghigliano.