Carlo Petrini, Slow Food: “Diritto dei popoli alla sovranità alimentare – La coesistenza con gli OGM non è possible”

“Bisogna prendere atto del fallimento del modello dell’agricoltura massiva e riaffermare come alternativa la dimensione di piccola scala per le aziende agricole, in modo da ricostruire e rivitalizzare le piccole comunità rurali.
Un’economia che ritrovi la centralità del mondo agricolo è un modello valido anche per il mondo occidentale ricco, non solo per i paesi del Sud del mondo. E’ una visione moderna e progressista delle prospettive del mondo, non sterilmente conservatrice, né utopicamente idillica.”

Al Meeting di San Rossore (Pisa) dedicato alle tematiche della globalizzazione, Carlo Petrini è intervenuto nell’ambito della sessione dedicata al tema: “Condividere le ricchezze della terra: il cibo” per illustrare il Manifesto messo a punto dalla Commissione Internazionale sul Futuro del Cibo, di cui fa parte insieme a personalità autorevoli come Vandana Shiva (Research Foundation for Technology), Marcello Buiatti (docente di Biologia genetica, Università di Firenze), Edward Goldsmith (editore di The Ecologist), Caroline Lucas (deputato Unione Europea).

“Il Manifesto sul Futuro del Cibo che abbiamo sottoscritto proclama con forza il diritto all’autodeterminazione dei popoli in campo agricolo e alimentare. Ogni nazione, ciascuna regione, deve poter scegliere di coltivare il cibo tradizionale, che è espressione anche della sua identità culturale. In Europa, non è possible la coesistenza con le coltivazioni GM: la nostra geografia e la contiguità tra i territori agricoli non possono garantire la protezione necessaria contro la contaminazione accidentale.
Voglio rendere atto pubblicamente al grande coraggio del Presidente della Regione Piemonte Enzo Ghigo, che ha avuto il coraggio di continuare con coerenza sulla strada che aveva imboccato con esemplare lungimiranza: quella della valorizzazione dell’agricoltura di qualità e della tutela dei prodotti artigianali e tipici. “

Press Office: Valter Musso, Alessandra Abbona, Paola Nano
via della Mendicità Istruita, 14 – 12042 Bra (Cuneo) – tel. 0172 419615/ 0172 419666 fax 0172 421293 –
email: v.musso@slowfood.it, s.abbona@slowfood.it, p.nano@slowfood.it