Carlo Petrini alla quarta edizione di Anteprima Amarone

Carlo Petrini parteciperà alla quarta edizione di Anteprima Amarone, la kermesse organizzata dal Consorzio di Tutela dei Vini Valpolicella che si terrà a Verona da venerdì 9 a domenica 11 febbraio.
Il Presidente internazionale di Slow Food è stato invitato a intervenire al convegno di apertura della manifestazione, dal titolo Modello Valpolicella: sostenibilità e sviluppo di un terroir, in programma venerdì 9 alle ore 15.00, presso l’Auditorium del Palazzo della Gran Guardia.

La “galassia” Valpolicella è oggi costituita da 1.150 produttori di uve conferenti a privati, 1.350 produttori di uva soci di cooperative, 285 fruttai per l’appassimento delle uve per Amarone e Recioto, circa 130 aziende vitivinicole integrate, 6 stabilimenti enologici privati che trasformano solo uva acquistata, 6 imprese cooperative con vari livelli di integrazione a valle e 225 imbottigliatori puri. La cooperazione provvede alla trasformazione di circa la metà dell’uva prodotta. Nel 2005 sono stati prodotti circa 370.000 ettolitri di vino, di cui poco meno del 20% rappresentato da Amarone e Recioto; la produzione di questi vini è cresciuta di quasi 5 volte in 14 anni.

Si tratta di un sistema articolato, all’interno del quale è possibile tracciare un “modello” in cui le duplici aspirazioni di sostenibilità e sviluppo possano armonizzarsi. Resta il quesito di partenza: come conciliare punti di partenza apparentemente distanti tra loro?

A discuterne, insieme a Carlo Petrini, relatori provenienti dall’Italia e dall’estero. Tra gli altri: l’On. Guido Tampieri, Sottosegretario di Stato al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Emilio Pedron, Presidente del Consorzio per la Tutela dei Vini Valpolicella, Cristina Mottironi, Docente all’Università Bocconi di Milano, Paul White, Giornalista enologico – Nuova Zelanda, Eberhart Spangenberg Importatore – Germania e Giacomo Mojoli, Portavoce Slow Food.