305 Tre Bicchieri

Una nuova impaginazione e più informazioni sull’attività vitivinicola come produzione annua, numero di ettari vitati e tipo di viticoltura; cambia anche l’ordine alfabetico, non più il nome del comune in cui sorge la cantina, ma il nome della cantina stessa. Con queste importanti novità si presenta la ventunesima edizione di Vini d’Italia, la guida più letta e seguita del panorama enologico italiano edita da Slow Food e Gambero Rosso, dal 29 ottobre in libreria.
La presentazione della nuova guida si terrà domenica 28 ottobre alle ore 10.30 presso il Teatro Olimpico di Roma (Piazza Gentile da Fabriano 17), in occasione della consegna dei premi “Tre Bicchieri”; a fare gli onori di casa i due curatori della guida, Gigi Piumatti e Daniele Cernilli.
«Girata la boa dei vent’anni – ha dichiarato Piumatti – Vini d’Italia prosegue il suo viaggio alla scoperta della migliore produzione enologica in tutte le regioni italiane; l’edizione del 2008 oscilla tra conferme e novità, assiste alla consacrazione o al ritorno perentorio di denominazioni e tipologie, premia nomi imprescindibili e lancia volti nuovi. Questa è una guida per un pubblico sempre più preparato, per gli addetti ai lavori, ma anche per i semplici appassionati del vino e delle sue storie».
Quasi duecentocinquanta persone sono state coinvolte per stilare la guida, trenta le commissioni che per diversi mesi hanno assaggiato più o meno 25mila vini, recensito 2245 aziende e circa 18000 vini.
Quest’anno i Tre Bicchieri assegnati sono stati 305: in testa alla classifica delle regioni più premiate la Toscana con 65 riconoscimenti (10 premi in più rispetto al 2007) contro i 61 del Piemonte (otto in più); seguono il Friuli Venezia Giulia con 28 (-1), il Veneto con 27 (+3) e l’Alto Adige con 22 (-1), la Sicilia con 15 (uguale), la Lombardia con 13 (+3), le Marche con 11 (-1), Abruzzo e Campania con 10 (rispettivamente +1 e -2). Chiudono l’Umbria con 8 (+2), Trentino (uguale) e Puglia (+2) con 7, Emilia Romagna con 5 (-2), Basilicata e Sardegna con 4 (rispettivamente +2 e uguale), Lazio con 2 (uguale), Calabria 2 (+1), Valle d’Aosta 2 (-1), Molise e Liguria con 1 (stabili rispetto all’edizione 2007).
In ventuno anni di guida sono 90 le cantine che hanno ottenuto per almeno dieci volte i Tre Bicchieri: la più premiata, quella di Angelo Gaja con 41 vini, da molti considerato come il più rappresentativo produttore di vini d’Italia, si aggiudica il premio come Migliore Cantina dell’Anno. Altri riconoscimenti sono andati a Mattia Vezzola, premiato come Enologo dell’Anno, ai fratelli Adriano e Stefano Dezi come Viticoltori dell’Anno e a Saverio Petrilli per la Viticoltura Compatibile, mentre la cantina Ca’ Orologio si è aggiudicata il premio come Cantina Emergente. I migliori vini sono stati il Franciacorta Collezione esclusiva ’99 di Cavalleri per le bollicine, il Collio Tocai ’06 di Dari Raccaro per il bianco, il Faro ’05 di Palari per il rosso ed il Passito di Pantelleria Ben Ryé ’06 di Donnafugata per il vino dolce mentre ottime performance di comparto hanno registrato i Barbaresco ’04 e i Brunello di Montalcino Riserva ’01.
Per questa 21esima edizione ai due curatori della guida Gigi Piumatti (Slow Food) e Daniele Cernilli (Gambero Rosso) si affiancano quattro viceredattori: Gianni Fabrizio, Marco Sabellico, Eleonora Guerini – prima donna in Italia a ricoprire un ruolo in primo piano in una guida dei vini – e Tiziano Gaia, uno dei collaboratori storici del gruppo Slow Food.
L’elenco completo dei vini Tre Bicchieri è online sul sito: www.slowfood.it.
Nel pomeriggio dello stesso giorno della presentazione, i 305 Tre Bicchieri saranno in degustazione dalle 16.00 alle 20.00, presso la sede del Gambero Rosso, la Città del Gusto, via Enrico Fermi 161, Roma.
Prezzo del volume: 30 euro

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • SiNo