25 aprile 2020: una grande piazza virtuale a partire dalle 14,30 per celebrare la liberazione

In streaming su Facebook, la manifestazione consegnerà un ideale testimone al Bella Ciao dell’Anpi cantato dai balconi di tutta Italia

Oltre 200 mila euro e 4 mila donatori alla campagna di raccolta fondi per garantire un aiuto a chi non ha una casa e un pasto sicuro

 

Il 25 aprile 2020 sarà una giornata di liberazione, forse la più grande dal dopoguerra.
Non potremo riempire le nostre piazze di canti e bandiere ma l’Italia potrà unirsi nella grande manifestazione virtuale 25 aprile 2020 #iorestolibera #iorestolibero, trasmessa in streaming a partire dalle 14,30 dalla pagina Facebook e da numerose altre piattaforme il cui elenco è aggiornato sul sito www.25aprile2020.it

A seguire l’apertura dell’Inno di Mameli cantato da Tosca, l’attrice Lella Costa introdurrà gli interventi di Carla Federica Nespolo, presidente nazionale dell’Anpi, Maria Lisa Cinciari Rodano, staffetta partigiana; Sara Diena, giovane attivista per il clima e la giustizia sociale. Alle 15 lo streaming chiuderà con Bella Ciao, consegnando un ideale testimone all’iniziativa dell’Anpi che invita gli italiani a uscire sui balconi e intonare all’unisono il canto simbolo della lotta partigiana: insieme, seppur distanti.

 

«Credo questa iniziativa sia importante da un lato perchè purtroppo alle giovani generazioni non è stato trasmesso il senso di questa giornata e quello che è stata la Resistenza, dall’altro perchè in qualche modo anche oggi ci troviamo nel pieno di una battaglia» racconta Maria Lisa Cinciari Rodano. «Il 25 aprile del 1945 le forze partigiane stavano entrando a Milano, c’era stata l’insurrezione a Bologna e Genova mentre Roma era già stata liberata due giorni prima. Non avevo ancora la percezione di cosa sarebbe accaduto, ma vedendo quelle donne e quegli uomini che entravano a Milano ho subito pensato: è la liberazione! Quest’anno avremo molta voglia di essere liberati e di portare a termine questa guerra al virus che ci costringe in casa e ci impedisce di manifestare.»

Sara Diena è la più giovane tra le relatrici: «Appartengo a una famiglia partigiana di origini ebraiche e sono cresciuta con l’idea che lottare vuol dire affermare i diritti di tutti e non solo del singolo individuo. Questi per me sono i valori che definiscono le donne e gli uomini, l’intera collettività. Dal mio punto di vista, di attivista per il clima, oggi la resistenza è ancora più necessaria perchè il nostro futuro al momento è segnato negativamente e credo che l’unico modo per assicurare una vita degna di essere definita tale sia resistere alla società di oggi, basata sullo sfruttamento e sulle disuguaglianze, che rischia di rendere vani gli sforzi di chi ha sacrificato la propria vita dedicandola alla libertà, che adesso viene a mancare. Il fatto che qualcuno ha lottato per la nostra libertà non significa che noi non dobbiamo lottare per la libertà di altre persone che ne sono prive».

All’iniziativa 25 aprile 2020 #iorestolibera #iorestolibero è collegata la raccolta fondi, lanciata lo scorso 7 aprile, a favore della Caritas Italiana e della Croce Rossa Italiana, capofila rispetto alla rete del volontariato che è la prima linea dell’emergenza sociale sui territori, per fornire aiuto a quanti non hanno un tetto o un pasto garantito. Oltre 200 mila euro e 4 mila persone hanno donato fino a oggi attraverso la piattaforma di crowdfunding GoFundMe, spesso anche piccole cifre, ognuno secondo le proprie possibilità, per un’iniziativa corale che ha unito i valori di libertà e solidarietà. 

All’appello, inizialmente firmato da 1400 protagonisti italiani della cultura, della società civile, dello spettacolo, dello sport, hanno aderito più di 12 mila persone. Tra le testimonianze raccolte attraverso la pagina Facebook e il profilo Instagram citiamo Bruno Pizzul che arricchisce la parola libertà di altri significati “Se in questi momenti siamo particolarmente colpiti dalla lotta contro un malefico virus, non dobbiamo dimenticare altri nemici quali il riscaldamento globale e le inaccettabili diseguaglianze sociali”; i racconti partigiani di Aldo Cazzullo “Il 25 aprile è la festa di tutti. Dignità, libertà e democrazia non sono valori di parte, tutti dovrebbero riconoscersi”; l’appello di Jovanotti sulle note di Stornelli d’esilio “Il 25 aprile è la festa della libertà, una parola che oggi ha bisogno di essere esplorata, vivificata, vissuta e difesa nella sua forza e bellezza”; il ricordo di Carlo Conti “Quest’anno più che mai vorremmo essere liberati da questo virus, ma non ci dobbiamo dimenticare di coloro che si sono sacrificati per la nostra libertà”; e l’orgoglio di Jimmy Ghione “Io arrivo da una famiglia di partigiani, mio padre era partigiano, mio zio in nome della libertà è morto ucciso dai nazifasciti”; per Nina Zilli, che ci ha regalato un bellissimo brano, la libertà al giorno d’oggi è una questione di testa e di cuore “Anche tra quattro mura #iorestolibera, e noi tutti dobbiamo restare liberi, perché la Libertà è alla base della rivoluzione e dell’evoluzione dell’esistenza. È necessaria all’essere umano”. E poi ancora le note del Bella Ciao di Paolo Fresu, il freestyle di Frankie hi-nrg, l’invito a non lasciare indietro nessuno di Vasco che ricorda il suo Liberi liberi, la melodia con cui ci ha accompagnato Giuliano Sangiorgi, le parole di Orietta Berti, Willie Peyote, Stefano Accorsi, Enzo Iacchetti e tantissimi altri.

L’iniziativa si può seguire su www.25aprile2020.it, sulla pagina Facebook, sul profilo Instagram e Twitter.

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • SiNo