Vorrei ma non porro

Nel mese di ottobre con la luna calante si seminano all’aperto lattughe, spinaci, valerianella e patate nelle regioni più calde. Si piantano all’aperto i bulbilli d’aglio e si trapiantano bietola da coste, bietola da taglio, cipolla e finocchio. Poi, come abbiamo già visto per il cardo, si fa l’imbianchimento di porri, finocchi, cardi, indivia, scarola e radicchio. Si concima in previsione delle prossime semine e in cantina si pigia l’uva. Con la luna crescente invece si semina il pisello nei climi miti, si pianta all’aperto il ravanello, si dividono i cespi e si moltiplicano le piante aromatiche e officinali. Si trapianta la salvia e si raccolgono barbabietola, basilico, cardo, carota, cavolfiore, broccolo, cavolo verza, cavolo rapa, cavolini di Bruxelles, cavolo cappuccio, finocchio, peperone, zucca.

Il porro

293717280_8afbf5b915_b

L’Allium porrum L. è una pianta biennale con ciclo produttivo annuale che fa parte della famiglia delle Liliaceae o Alliaceae, a cui appartengono anche cipolla e scalogno. Le varietà più conosciute sono: Gigante di Chioggia, porro di Carmagnola e porro di Cervere.

La semina

_leeks

Il porro può essere seminato in tutte le stagioni, ma viene prediletto quello a raccolta invernale. Essendo un ortaggio poco esigente e piuttosto facile da coltivare resiste bene a temperature basse e tipiche del tardo autunno, garantendo così un raccolto anche nei mesi più freddi. Per questa tipologia, le piantine si mettono a dimora a inizio estate. In fase di crescita non è necessario irrigare, mentre è importante eseguire la rincalzatura per ottenere steli più bianchi e lunghi. Il terreno ideale per il porro è fresco, sciolto, fertile e ricco di sostanza organica, con un pH compreso tra 6 e 7,5. È consigliabile piantare 2 semi a una profondità di circa 0.30 cm mantenendo una distanza di 30 cm tra le diverse file e di 15 cm sulla stessa fila. La temperatura ottimale per la crescita varia tra 18 e 22°C mentre quella di germinazione è di 15 – 20°C. A queste condizioni la piantina dovrebbe impiegare una ventina di giorni per nascere.

La raccolta

leeks-673243_960_720

La raccolta è scalare e avviene generalmente dopo cinque o sei mesi dalla semina. A differenza di molti altri ortaggi, anche se raccolto in anticipo è comunque buono quindi si può raccogliere da quando il diametro è di piccole dimensioni.

In cucina

fn_soups-potato-leek-soup_s4x3-jpg-rend-sniipadlarge

La parte edibile del porro è quella basale dove le foglie sono bianche perché cresciute coperte dalla terra e al riparo dalla luce. Questo ortaggio si presta alla preparazione di torte salate, flan, vellutate, risotti e può essere utilizzato come sostituto della cipolla per un aroma più delicato. La parte verde, che solitamente non viene utilizzata in cucina, è ottima nella preparazione di minestroni.

 

Marta Menegaldo

m.menegaldo@slowfood.it

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No
SlowFood, Prendici Gusto, diventa socio
comments powered by Disqus