Voglia d’autunno? Portatelo in tavola!

Visto il meteo, ci scatta immediatamente voglia d’autunno, anche a tavola. Castagne, funghi, tra poco tartufi. Preparazioni più sostanziose per combattere il freddo che ci sta sorprendendo, e su tutto vorremmo consigliare un prodotto davvero simbolico della stagione, ma non soltanto. Parliamo della zucca: ortaggio poco costoso (tra uno e due euro al chilo), anche in virtù dell’altissima resa che ha in cucina, davvero versatile, con cui si possono realizzare un mare di ricette: una crema, condita con del buon olio e pepe, il ripieno di paste meravigliose,gnocchi, i pezzi gratinati in forno con formaggio…

Le migliori varietà sono la marina di Chioggia, verde, bitorzoluta, schiacciata ai poli, e le già citate mantovana (delica o violina) e piacentina. Ma ci sono prodotti locali molto validi in ogni zona del Paese. In Campania, invece, si consuma molto la napoletana lunga, in Liguria quella d’Albenga, in Veneto la beretta, mentre le muscat che hanno colori e forme diverse, sono diffuse ovunque e si sono adattate generando vari ecotipi.

Oggi vogliamo proporvela in una veste insolita con la ricetta del pane di zucca. La ricetta è tratta da A Tavola senza Glutine di Slow Food Editore che potete acquistare in libreria o nel nostro shop on line!

Da provare assolutamente, vedrete che vi leccherete i baffi fino alle orecchie.

Ingredienti per 4-6 persone

mezzo chilo di zucca lessata
3 etti di farina di riso
un etto di farina di grano saraceno
4 etti di fecola di patate
30 g di lievito di birra
30 g di sale

Preparazione

Amalgamate tutti gli ingredienti e lavorateli fino a ottenere un impasto liscio, che lascerete riposare coperto per un quarto d’ora. Suddividetelo in panetti del peso e della misura che desiderate e lasciate lievitare fino a raddoppiare quasi il volume. Cuocete in forno alla temperatura di 180°C fino a doratura della superficie: occorreranno 20-30 minuti a seconda della pezzatura del pane e del tipo di forno.

Tempo di esecuzione

50 minuti, più le lievitazioni

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No
SlowFood, Prendici Gusto, diventa socio
comments powered by Disqus