«Un attacco così feroce contro studenti è un attacco al futuro di questo Paese»

Alle vittime dell’Università di Garissa
Un messaggio per esprimere la nostra solidarietà

Nello scorso 2 aprile, alcuni militanti di Al-Shabaab hanno fatto irruzione nel college dell’Università di Garissa in Kenya, dove hanno ucciso almeno 147 persone ferendone poco meno di 100, l’attacco più violento finora sferrato dal gruppo terroristico islamista somalo. Qui a Slow Food, il nostro pensiero va alle vittime della strage, alle loro famiglie, e al Paese che da molto tempo svolge un ruolo importante nella nostra rete mondiale.

John Kariuki, coordinatore Slow Food in Kenya e vicepresidente della Fondazione Slow Food per la Biodiversità, è stato sconvolto dalla notizia. « È scoraggiante vedere l’ennesima aggressione vigliacca da parte di Al-Shabaab» ha detto. «Come giovane kenyota e membro della rete giovane di Slow Food, quel giorno è stato il più buio nella storia del Kenya. Abbiamo perso ragazzi innocenti e pieni di energia, entusiasmo, speranze di un futuro migliore. Un attacco così feroce contro studenti è un attacco al futuro di questo Paese.

In un momento tanto drammatico, rivolgiamo tutta la nostra solidarietà alle famiglie delle vittime.

Traduzione a cura di Paolo Tosco
p.tosco@slowfood.it

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No
SlowFood, Prendici Gusto, diventa socio
comments powered by Disqus