A Ti porto nell’orto si fa il cambio di stagione

Siete stufi di mangiare pomodori e zucchine? Finalmente è ora di cambiare! L’autunno porta con sé tantissime verdure, a partire dalla famiglia delle Brassicaceae con cavoli, cavolfiori, broccoli e rape. E ancora finocchi, peperoni, topinambur, zucca, porri, scarola. Anche per quanto riguarda la frutta c’è un’ampia scelta: oltre alle pere, alle mele e all’uva maturano i kiwi e i cachi e nei boschi si trovano le castagne e i funghi.

coloriautunno-622x431Da ora in avanti potete realizzare per i vostri ortaggi delle coperture contro il freddo. Se arrivano le gelate è meglio coprire le piantine con dei tessuti leggeri, almeno durante la notte. Può essere utile anche il lavoro di pacciamatura, specialmente con telo nero che cattura i raggi solari e scalda maggiormente. Se avete lo spazio inoltre, potete costruire una serra per far sì che si allunghino i raccolti.

serra-per-orto-_ng1

Aglio col bene che ti voglio

garlicL’Allium Sativum L. è una pianta annuale della famiglia delle Liliaceae o Alliaceae di cui esistono principalmente tre varietà: bianco, il più diffuso e che si conserva di più; rosa il cui sapore è meno intenso e si presta al consumo fresco e rosso che ha un sapore più deciso rispetto a quello rosa.

produttori-di-aglio-rosso-di-nubia_01Il periodo tra ottobre e novembre è il momento adatto per seminare l’aglio nel vostro orto: è consigliabile piantare 1 seme mantenendo una distanza di circa 30 cm tra le diverse file e di circa 15 cm sulla stessa fila. Questa pianta resiste piuttosto bene al freddo, tanto che la soglia termica è fissata a -10° C, ma predilige climi caldi e terreni leggeri, limosi e sabbiosi con un pH compreso tra 6 e 7. Se le temperature sono troppo elevate invece, l’aglio non produce i singoli bulbilli. I terreni argillosi o di facili ristagni di acqua sono sconsigliati perché potrebbero portare gravi malattie fungine. Con le condizioni ottimali la piantina impiega circa 10 giorni per nascere.

15416108-garlic-plantation-in-the-vegetable-garden-stock-photo

Il nuovo bulbo è formato quando la pianta presenta una decina di foglie o più e si raccoglie tra luglio e agosto quando le foglie ingialliscono. Per la conservazione, come per la cipolla, si formano mazzi o trecce che si fanno seccare al sole e poi va riposto in un luogo asciutto e ben areato.

6160016711_86dde0f4a6_bNell’orto, per ottenere una consociazione favorevole, l’aglio va posizionato vicino alle carote perché le Liliaceae riducono l’umidità relativa del terreno ed emettono solfuri repellenti per i ditteri che le attaccano.

Proprietà

L’aglio ha moltissime proprietà ed è un vero e proprio toccasana sia per le piante, grazie alla sua azione repellente contro gli agenti patogeni, sia per l’uomo perché oltre a combattere i malanni di stagione come raffreddore e tosse è un ottimo cardiotonico, abbassa la pressione, contrasta il colesterolo cattivo, ed è un antibatterico naturale.

garlic_organically_grown

La ricetta per l’infuso da utilizzare nel vostro orto è semplice: si versano 10 litri di acqua bollente su 75 grammi di bulbi. Una volta raffreddato, il composto va nebulizzato sulle piante. Ha un effetto repellente contro vari insetti ed esercita un’azione antimicrobica contro batteri e alcuni funghi.

20140622_141719

Le varietà di aglio tutelate da un Presìdio sono:

Aglio di Resia – Friuli Venezia Giulia

Aglio di Vessalico – Liguria

Aglio rosso di Nubia – Sicilia

 

Ora che sapete quanto fa bene, non potete darci un (t)aglio!

 

A cura di Marta Menegaldo

m.menegaldo@slowfood.it

Fonti:
Il piacere dell’orto – Slow Food Editore

 

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No
SlowFood, Prendici Gusto, diventa socio
comments powered by Disqus