Pierre Frick e i suoi tappi a corona

Un paio di mesi fa abbiamo cominciato ad affrontare il tema della chiusura delle bottiglie di vino con il tappo metallico a vite, o con altre soluzioni alternative al sughero.   In quella occasione qualche lettore aveva sollevato la questione di quanta “coerenza” ci sia da parte di alcuni produttori biologici/biodinamici/naturali nell’abbandonare un prodotto naturale …

Salviamo il paesaggio: vigneti e vini a rischio

L’importanza della biodiversità e della sostenibilità, la tutela del paesaggio, la riscoperta dei saperi tradizionali sono i temi emersi nel Laboratorio Salviamo il paesaggio: vigneti e vini a rischio, che si è tenuto domenica 28 alle ore 17.   In parallelo alla grande degustazione di Slow Wine, quattro vignaioli in rappresentanza di altrettanti territori e …

Considerazioni a caldo post Salone del Gusto 2012

PRESENTAZIONE SLOW WINE 2013   Partiamo dalla domenica mattina. La formula che abbiamo scelto è stata quella di fare prima due chiacchiere sulla guida e sui temi principali legati alla nostra casa editrice. L’incontro è stato moderato da Sergio Miravalle, giornalista de La Stampa e caro amico. Il motore è stato scaldato da Roberto Burdese …

29 ottobre 2012, torna Vigneros d’Europe!

In questi anni ci siamo accorti parlando e riparlando con tanti vignaioli che il problema dei problemi per questa categoria è che non possiedono una definizione filosofica e giuridica del loro ruolo.     Chi è il vigneron? Secondo il Codice Civile (art. 2135) un contadino che produce uva e vino secondo un criterio di …

Slow Wine 2013 – Lazio, eppur si muove

Il Lazio, se analizzato in un contesto più ampio delle pur buone considerazioni sull’annata appena trascorsa, non può non essere oggetto di doverose e approfondite riflessioni. Un totale di 1.205.117 ettolitri prodotti, per 26.549 ettari a regime, implica una diminuzione del 4,4%, rispetto all’anno precedente: ma ciò sarebbe nulla, se non ci si ponesse dinanzi …

Slow Wine 2013 – Prosecchi, Lambruschi e compagnia frizzante

  Prosecco. Cresce il numero dei buoni vini da rifermentazione in bottiglia, chiamati da alcuni produttori – riuniti in una neonata associazione – Prosecchi Colfòndo: sono prodotti che ci piacciono particolarmente e abbiamo avuto la fortuna di assaggiarne un grande numero, grazie al lavoro certosino dei nostri collaboratori in quella zona. Per quanto riguarda i …

Slow Wine 2013 – Il terroir più slow: il Chianti Classico

Le anticipazioni toscane si aprono con il Chianti Classico. Territorio vasto, complesso che abbiamo percorso in lungo e in largo per cercare di offrire a voi lettori e appassionati un quadro enologico più che esaustivo. Il risultato di tale lavoro è sintetizzato bene da un dato fortemente esplicativo: il Chianti Classico è il territorio che …

Slow Wine 2013 – I buoni Metodo Classico d’Italia

Avendo deciso di contenere molto il numero dei Grandi Vini – come già specificato nel post Vino Slow vs Grande Vino: two is meglio che one – conseguentemente sono calati i riconoscimenti ai Metodo Classico italiani, che riassumiamo così:     GRANDI VINI   Franciacorta Brut Grandi Cru Collezione 2007 – Cavalleri Franciacorta Dosaggio Zero …

Vino Slow vs Grande Vino: two is meglio che one

Siamo alla terza generazione di Slow Wine. Una guida che non ha paura di mettersi in gioco, perché è nata con una missione molto ambiziosa, quella di cambiare il mondo della critica enologica. Nel farlo, ha rivoluzionato il modo di raccontare e di giudicare il vino, abbandonando il porto sicuro dei punteggi e dei simboli …

Guida alle birre d’Italia 2013 – Tutti riconoscimenti!

Complessità è un termine che a noi di Slow Food sta molto a cuore. Per questo quando abbiamo pensato a come sarebbe dovuta essere la nuova Guida alle birre d’Italia il pensiero è caduto sulle stelle che utilizzavamo per giudicare le birre. Questo simbolo (da una a cinque) infatti era in grado di generare una …