È morto Nello Baricci

Nello Baricci si è spento all’età di 95 anni. Da qualche anno aveva dovuto spostarsi dalla sua adorata collina di Montosoli, dove aveva iniziato a coltivare la vigna nel 1955, per trasferirsi nel centro di Montalcino. Ieri abbiamo chiamato Pietro Buffi, suo genero, per esprimere la nostra vicinanza. Non ci ha stupito più di tanto apprendere che fino all’ultimo Nello chiedeva della vigna e dei lavori svolti. Per tutti noi, Baricci era come una quercia, la cui saggezza impone rispetto e dispensa insegnamenti.

Tra i fondatori del Consorzio del Brunello di Montalcino, Nello è sempre stato un punto di riferimento per questa importante denominazione. Il suo lavoro ha sempre tradotto in modo ortodosso la vocazione della collina di Montosoli regalando Brunello di straordinaria autenticità. A tutta la famiglia vanno le nostre più sentite condoglianze.

Vogliamo ricordare Nello con il testo della “chiocciola” che apparse sulla prima Guida Slow Wine, anno 2011.

Nello Baricci ha 89 anni. La maggior parte li ha passati a Montosoli e ora, quando sali sulla collina, lo vedi seduto sul muretto dietro casa a osservare il vigneto oppure a chiacchierare con i vignaioli vicini. A noi è occorsa la fortuna di vederlo tra i filari, in una ventosa giornata di primavera, a legare le viti. Arrivato a Montosoli nel 1955, Nello si accorge ben presto che il suolo sassoso può essere coltivato solamente a vigneto La storia personale di questo vignaiolo rappresenta l’essenza della viticoltura toscana. I suoi vini sono umorali e veri, trascendenti i linguaggi tecnici conosciuti, tra l’altro nati dopo di lui.

 

Foto da Radio Siena TV

  • monica raspi

    mi dispiace, come quando crolla una colonna di Palmira, è una perdita per tutti
    comunque lascerà un segno, non è cosa da poco