Che ne sarà dell’Enoteca Marcucci?

Un duro colpo alla cultura del vino in Italia e a un patrimonio condiviso della gastronomia nazionale.

L’Enoteca Marcucci vanta una collezione di vini senza pari per la costa toscana. Più di 100.000 bottiglie custodite a regola d’arte costituiscono un patrimonio di inestimabile valore. Vini introvabili ormai che solo la passione di Andrea Marcucci ha saputo custodire intatti e che costituiscono una collezione che travalica il settore enologico per diventare arte e bene comune.

Invece se i magistrati daranno ragione all’Arcidiocesi, Andrea ha intenzione di non trasferire questa collezione da nessun altra parte. Impossibile secondo lui muovere bottiglie come un La Tâche 1979 del DRC oppure un Mouton 1945… il danno sarebbe enorme.

Per vedere come è andata vi rimandiamo all’articolo del Corriere della Sera, qui