Braida

LOGO BRAIDA EPSRocchetta Tanaro (At)

Piemonte

Tel. 0141 644113

www.braida.it

55 ha – 600.000 bt

 

VITA – Visitando l’azienda di Beppe e Raffaella Bologna si percepisce un legame profondo con il mondo del vino piemontese. Qui si assaggiano sempre vini eccellenti per cui consigliamo a tutti di visitare l’efficientissima cantina, ma soprattutto di ascoltare con grande interesse le riflessioni di Beppe sulla realtà enologica piemontese, le sue problematiche e i programmi futuri dell’azienda. Una visita istruttiva.

VIGNE – È stato creato un nuovo impianto di grignolino su terreni argillosi, esperimento volto a mitigare la tannicità del vitigno, a giudizio di Beppe primo ostacolo alla sua diffusione. I suoli su cui nascono la Barbera Bricco della Bigotta e la selezione Ai Suma sono più sabbiosi, quello del Bricco dell’Uccellone contiene più argilla. Si coltivano anche varietà internazionali, prima tra tutte il pinot nero tanto caro a Beppe.

 

VINO – Grignolino d’Asti Limonte 2014

Il Grignolino, normalmente impiantato in terreni leggeri, in questo caso è allevato su vigneti ricchi di limo (da qui il nome del vino) e argilla per conferire maggiore struttura al vino. Al palato ripropone con nostro grande piacere la rosa e i frutti espressi all’olfatto.

VITIGNO – Grignolino

Rocchetta Tanaro (At)

Piedmont

Tel. 0141 644113

www.braida.it

136 acres – 600,000 bt

 

PEOPLE — Visiting Beppe and Raffaella Bologna’s winery one is able to understand the connection to the world of Piedmontese wine. We highly recommend you visit this streamlined winery, as the wines here are always excellent. The true prize, however, is listening to Beppe’s words of wisdom on the state of Piedmontese wines, its problems, and the future plans of his winery. Truly a learning experience.

VINEYARDS — A new grignolino vineyard was recently planted on clay soil, an experiment led by Beppe try to mitigate the high tannin of the variety. The soil on which the Barbera Bricco della Bigotta and the selection Ai Suma grows is much sandier, whereas the soil of Bricco dell’Uccellone has much more clay. They also grow international varieties, among which pinot nero is dearest to Beppe’s heart.

 

WINE — Grignolino d’Asti Limonte 2014

Grignolino, normally planted in lighter soils, in this rare case is grown in a vineyard rich with silt (from which its name is derived) and clay, so as to relay more structure to the wine. Much to our pleasure, the palate is redolent with roses and mirrors the panorama of red fruit on the nose.

VARIETY — Grignolino