Amazon: perché con la vendita online del vino avete raschiato il fondo della barrique?

Schermata 2015-07-30 alle 09.40.21Da ieri Amazon vende online i prodotti alimentari. Mi sono subito collegato con grade curiosità. Non posso nascondere che la delusione è stata grande, almeno quanto era alta la mia attesa… L’offerta è così bassa che nemmeno il discount più infimo del nostro paese ha il coraggio di mettere in campo. Diversi vini venduti a meno di un euro al litro. Marchi puramente commerciali, denominazioni completamente dimenticate, etichette anonime, per non dire di peggio.

 

E allora la domanda sorge spontanea: perché per la tecnologia Amazon vende il meglio che si trova sul mercato con tutti i marchi più celebri in bella mostra e invece per il vino questa politica commerciale non è stata adottata? Stessa cosa nella moda: Armani, Fred Perry, Ralph Laurent, Patrizia Pepe, ecc…

 

Schermata 2015-07-30 alle 09.38.41

Francamente per ora mi pare una grande occasione persa. Il più grande negozio online del pianeta poteva portare una ventata di ottimismo in un mondo, quello del commercio elettronico del vino, che francamente aveva patito più di altri settori. Per ora l’enogastronomia, nonostante validi esempi di persone molto in gamba che si sono cimentate nell’impresa, non ha sfondato in rete. Ora che il player più importante scendeva in campo poteva imprimere quella svolta che era lecito attendersi. Un po’ come la tecnologia indossabile, gli smartwatch, fino a febbraio scorso se ne vendevano pochi o nessuno. Entra la Apple e moltiplica per 4 il mercato, probabilmente anche la concorrenza godrà di questo boom. Sul vino poteva essere così… Ma se l’inizio è così basso, difficile risalire la china.

 

Un esempio su tutti: si vende il Passito di Pantelleria Liquoroso… Insomma, debutto flop. Voto 3, rimandati a settembre. Procuratevi un consulente che sappia fare una selezione che abbia un senso. Non è detto che per forza dobbiate vendere le aziende che producono 1.000 bottiglie, la nicchia della nicchia, ma non avere i grandi marchi italiani su una piattaforma mainstream come la vostra è davvero uno scandalo.

 

 

 

Schermata 2015-07-30 alle 09.42.24