Altra novità da Slow Food Editore: “Le migliori 100 bollicine d’Italia”

È uscito da qualche giorno, e disponibile nelle migliori librerie d’Italia da oggi, l’ultimo nato in casa Slow Food Editore: un volume dedicato ai migliori vini “con le bollicine” italiani.

Per illustrare meglio i contenuti e l’impostazione del volume riportiamo il testo dell’introduzione firmata dai due curatori, Giancarlo Gariglio e Fabio Giavedoni, che per la redazione di Le migliori 100 bollicine d’Italia si sono avvalsi dell’aiuto di alcuni collaboratori di Slow Wine.

 

Il mondo del vino è in fermento, inutile negarlo. La crescita imponente della produzione di vini con le bollicine segue il successo clamoroso che molte di queste etichette hanno avuto sul mercato italiano e mondiale. Gran parte del successo che le esportazioni delle nostre bottiglie hanno registrato all’estero è dovuto al fenomeno Prosecco, che come un fiume in piena ha inondato il mondo con la sua effervescenza.

Ma non è solo questa particolare tipologia a registrare un successo clamoroso, altre denominazioni importanti sono cresciute in questi ultimi anni: tra le principali citiamo Franciacorta, Trento, Oltrepò Pavese e Alta Langa. Anche il mondo variegato dei Lambruschi ha beneficiato, dopo anni di stagnazione, di questa tendenza. Infine in Italia si è sviluppato un importante movimento di spumantizzazione dei nostri numerosi vitigni autoctoni.

Abbiamo voluto dedicare un volume a questa rivoluzione per aiutare il lettore a districarsi in questo mondo piuttosto complesso, fornendo in primis molte informazioni sui metodi di produzione per poi rispondere ad alcune domande fondamentali sul servizio del vino e sui formati delle bottiglie, senza scordare di tracciare sei approfondimenti sulle principali aree di produzione dei nostri vini con le bolle.

La scelta restrittiva di raccontarvi solo 100 etichette parte dalla necessità, che percepiamo anche noi appassionati, di poter godere una volta tanto di una lista semplice, facilmente comprensibile e usufruibile, che contenga il meglio del meglio delle varie tipologie prodotte nel nostro paese: i Metodo Classico, i vini rifermentati in autoclave (con metodo Charmat) e i vini della tradizione prodotti con il metodo ancestrale della rifermentazione in bottiglia.

Non sarà una lista del tutto esaustiva, ovviamente: abbiamo privilegiato la qualità finale del bicchiere ma anche il sistema produttivo che sta dietro ad ogni etichetta.

Ci teniamo a chiarire il concetto che anche per questo libro sono stati ripresi in toto i concetti che stanno alla base di Slow Wine, la guida ai vini e alle cantine d’Italia di Slow Food: per noi non conta solo la qualità di un prodotto (la bontà è prerequisito fondamentale ma sono decisive anche il tipo di agricoltura adottata e l’applicazione di un’enologia poco interventista, che sia puro supporto all’atto agricolo.

 

Nei prossimi giorni vi forniremo alcuni stralci del libro, con le “istruzioni” per la lettura delle schede destinate a questi magnifici 100 vini.

Per comprare il libro online, attraverso lo store di Slow Food Editore, puoi cliccare qui