48 ore in Valle di Cembra (con il Müller Thurgau)

Se il prossimo anno volete andare in Valle di Cembra ad assaggiare i vini della Rassegna Vini Müller Thurgau, più che penna e taccuino, mettete in valigia scarpe da trekking, caschetto da mountain bike e (per sicurezza) un paracadute: quando si tratta di far conoscere la loro amata valle i cembrani fanno sul serio!

La 31° Rassegna Vini Müller Thurgau

Arrivo a Cembra un po’ intontita dai tornanti che si fanno strada fra i vigneti, che in questa stagione si arrampicano verdi e rigogliosi lungo gli eroici pendii di montagna. È il 28 giugno e ad aspettarmi a Palazzo Maffei c’è la cerimonia di apertura della 31° Rassegna Vini Müller Thurgau. Un appuntamento importante per quello che è uno dei vitigni più rappresentativi della zona: in Valle di Cembra il Müller Thurgau occupa 400 ettari (circa metà di quelli totali del Trentino) e si è ambientato davvero bene grazie alle forti escursioni termiche e al clima montano, che ne valorizzano l’aromaticità preservandone al contempo la freschezza.

La rassegna, organizzata con il supporto della Strada del Vino e dei Sapori del Trentino, «è l’occasione per una riflessione tecnica e di degustazione, oltre che un’opportunità per far conoscere e promuovere la Valle di Cembra» ha spiegato Matti Clementi, il giovane enologo che presiede il Comitato della Rassegna. E dice sul serio! Il giorno dopo, infatti, come novelli Francesco Moser (ma a motore), Mattia Clementi ci conduce in sella a sfavillanti bici elettriche a scoprire la Valle di Cembra, luogo storicamente vocato alla viticoltura.

Su e giù per l’eroica Valle di Cembra

Fra discese ardite e risalite costeggiamo i vigneti che si estendono a perdita d’occhio: una viticoltura spettacolare ma faticosa, eroica, che in passato ha rischiato di essere abbandonata. Oggi, invece, un gruppo coeso di produttori, soprattutto di piccole aziende, sta portando avanti con determinazione un importante lavoro di valorizzazione dei vini di montagna. Vini che traggono la propria struttura e finezza dalla combinazione di suoli porfirici e calcarei e dal clima caratterizzato dall’alternarsi dell’aria mite dell’Ora del Garda con i venti freddi delle Dolomiti.

Durante il tragitto Mattia propone una deviazione dal percorso – e dal Müller Thurgau – e ci porta da Riccardo Pellegrini, una bella dimostrazione della genuinità e generosità dei contadini della valle: dopo una vita come conducente di autobus, ha iniziato a produrre uno spumante Metodo Classico, al 100% da uve chardonnay, per uso familiare (poco più di 200 bottiglie), che farebbe impallidire alcuni TrentoDoc più blasonati.

Torniamo al Müller Thurgau e in sella, ma per poco: dalla bici passiamo all’elicottero. La Valle di Cembra vista dall’alto è caratterizzata dai terrazzamenti, che si estendono per chilometri e che sono il segno tangibile di un duro lavoro. Gli impianti hanno pendenze vertiginose e altitudini che arrivano oltre gli 870 metri s.l.m. Qui l’utilizzo di macchinari è quasi impossibile e sono richieste oltre 1500 ore di lavoro a ettaro (contro le 300 ore che bastano in zone di pianura).

Dall’elicottero apprezziamo bene anche il corso del fiume Avisio e le cave di porfido, “l’oro rosso della valle”. Più in alto lo sguardo incontra i boschi che rivestono i pendii e termina sulle punte ancora innevate delle Dolomiti, che abbracciano la vallata, proteggendola.

Il Concorso Internazionale Vini Müller Thurgau

Anche quest’anno la rassegna è stata preceduta dal Concorso Internazionale Vini Müller Thurgau, arrivato alla 15° edizione, durante il quale diciotto commissari divisi fra giornalisti, sommelier ed enologi, hanno assaggiato un totale di sessanta etichette provenienti da diverse parti del mondo (in particolare Trentino Alto Adige, Veneto, Repubblica Ceca e Germania). A raccontare i diciotto vincitori delle medaglie d’oro è il giornalista Alessandro Torcoli, che ha ricordato come il müller Thurgau, frutto dell’incontro fra riesling renano e madeline royal, sia «l’incrocio più felice che sia stato mai creato, capace di regalare vini eterogenei, a volte caratterizzati dalle note più tipiche del riesling, come pera e idrocarburo, altre da quelle più aggraziate della madeline royal, ma sempre espressioni identitarie, bandiere dei territorio di provenienza».

Gli assaggi confermano le premesse: gli aromi spaziano dalla frutta a pasta bianca o gialla a generosi sentori di erbe aromatiche e spezie, fino a note più ricercate di fiore d’acacia, gesso, sesamo e accenni fumé. Al palato si affiancano versioni più fresche e immediate a sorsi avvolgenti e di profonda sapidità, tutti giocati su un filo di tesa eleganza: «Sono etichette a base di uve timide, riservate, gentili; valori da riscoprire anche nel vino» ha chiosato Torcoli.

È arrivato il momento di ripartire. Mentre percorro in discesa i tornanti, che al ritorno sono colorati dalla festa dei trattori, realizzo che sarei rimasta volentieri altre 48 ore in Val di Cembra a pedalare fra i vigneti, bere Müller Thurgau, e brindare con Rolando.

 

Le medaglie d’oro del Concorso (in ordine decrescente di punteggio):

  • Alto Adige Val Venosta Müller Thurgau Doc 2017, Azienda Agricola Unterortl – Castel Juval
  • Alto Adige Müller Thurgau Doc 2017, Hans Rottensteiner
  • Zeveri, Trentino Superiore Müller Thurgau Doc 2017, Cavit
  • Hagnauer Sonnenufer Müller Thurgau Trocken 2017, Winzerverein Hagnau
  • Aristos, Alto Adige Valle Isarco Müller Thurgau Doc 2017,Cantina Produttori Valle Isarco
  • Graun, Alto Adige Müller Thurgau Doc 2016, Cantina Produttori Cortaccia
  • Vigna Rio Romini, Trentino Müller Thurgau Doc 2017, Vivallis
  • Pietramontis, Valle di Cembra Trentino Superiore Müller Thurgau Doc 2016, Villa Corniole
  • Alto Adige Valle d’Isarco Müller Thurgau Doc 2017, Abbazia Di Novacella
  • Fass 247, Hagnauer Burgstall Müller Thurgau Troken 2017, Winzerverein Hagnau
  • Müller Thurgau Rivaner Troken – Edesheimer Ordengut 2017, Weingut Anselmann
  • Trentino Müller Thurgau Doc 2017, Gaierhof
  • Trentino Müller Thurgau Doc 2017, Fondazione Mach
  • Müller Thurgau Vigneti delle Dolomiti Igt 2017, Azienda Agricola Francesco Moser
  • 1339, Trentino Müller Thurgau Doc 2017, Cantina Sociale Di Trento
  • Trentino Müller Thurgau Doc 2017, Cantine Monfort
  • Müller Thurgau Vigneti delle Dolomiti Igt 2017, Società Agricola Fratelli Pelz
  • Trentino Müller Thurgau Doc 2017, Cembra – Cantina Di Montagna