Slow Food Sostienici e Associati
Tessere e vantaggi Promozioni per i soci Occasioni per i soci Locali amici - sconti e tesseramento Condotte italiane
Per mangiarti meglio Orti scolastici Tessera SlowKids Tessera giovani Slow Food Rete Giovane
Mense collettive Corsi di formazione Consulenze Pubblicazioni personalizzate Partecipazione a eventi e manifestazioni
Università di Scienze Gastronomiche
Sostieni Slow Food Associati a Slow Food

A scuola di Cheese!


03/08/2011 -

Anche l'edizione 2011 di Cheese è ricca di appuntamenti pensati per i più piccoli e di attività progettate per gli adulti dove imparare divertendosi. Prosegue inoltre la collaborazione con le suole di Bra, un percorso che quest'anno ha introdotto interessanti novità...

L’offerta dei laboratori per le scuole a Cheese 2011 è come sempre ricchissima, ma quest’anno introduce una importante novità: saranno gli studenti delle scuole di Bra e Pollenzo a condurre gli appuntamenti per le classi. I giovani esperti insegneranno al pubblico di coetanei i segreti della caseificazione e della degustazione di latte e formaggi. Ai più grandicelli sono riservati anche assaggi guidati e ragionati, per scoprire l’utilità delle etichette dei latticini e la complessità della scelta dei prodotti.

Durante l’anno scolastico, i ragazzi sono stati guidati in un percorso che ha permesso loro di diventare formatori, portandoli sui luoghi di produzione del formaggio a osservare i gesti dei casari, a cogliere gusti e profumi. Le attività di degustazione – organizzate in collaborazione con l’Ufficio Educazione di Slow Food e riuscite grazie al grande impegno degli insegnanti – e le gite sul territorio, sono state progettate al fine di formare degustatori e casari. I piccoli esperti in erba durante le attività rivolte alle scuole a Cheese, si cimenteranno con l’insegnamento dei temi di educazione alimentare facendo tesoro delle attività svolte durante l’anno.

In questo modo la lezione di cui saranno protagonisti attivi a Cheese sarà il racconto di un’esperienza vissuta e non la ripetizione di una lezione imparata in aula: i bambini racconteranno quello che hanno visto, toccato, annusato.

Gli aspetti che hanno colpito di più gli studenti saranno riproposti all’attenzione dei visitatori che potranno imparare a usare i sensi, a fare il formaggio e a interrogarsi sulla provenienza e la composizione dei latticini attingendo alle curiosità memorizzate dai coetanei.

La peer education, una metodologia didattica impostata sul rapporto tra pari che consente l’apprendimento non mediato dalla tradizionale figura dell’adulto, permetterà di parlarsi schiettamente e di ricordarsi, forse, in modo più vivido alcune piccole curiosità su latte e formaggio.

La peer education un approccio educativo che vede i ragazzi soggetti attivi della propria formazione: non sono gli adulti a trasferire contenuti, valori ed esperienze ma i giovani che si confrontano tra di loro stimolati dall’intervento di esperti. Nella definizione che ne dà l’Unesco l’educazione tra pari «è l’impiego di soggetti appartenenti a un determinato gruppo (sociale, etnico, di genere) allo scopo di facilitare il cambiamento presso gli altri componenti del medesimo gruppo». Con questo approccio educativo, gli allievi non sono più solo recettori di contenuti, valori, esperienze trasferite dall’educatore, ma l’apprendimento avviene attraverso il confronto, lo scambio di punti di vista, il lavoro di ricostruzione dei problemi e di ricerca delle possibili soluzioni, con la certezza di poter contare sulla collaborazione degli “esperti”.


educazione@slowfood.it

|
 

Argomenti più discussi

Tutti gli argomenti trattati

Ultima ora

22/07/2014 | Pensa globale e mangia locale non è solo uno slogan che ci piace ribadire, ma siamo convinti dei...

21/07/2014 | Foodtank, un'associazione che si batte per la difesa del cibo sano, sostenibile ed equamente...

18/07/2014 | Le nostre Condotte questo sloweekend ne hanno per tutti i gusti: a partire dal mare, per chi in...

16/07/2014 | Nella regione di Somali, in Etiopia, dal 26 Maggio di quest’anno, feroci persecuzioni nelle città...

16/07/2014 | Con riferimento alla lettera inviata in data odierna dalla Task Force per un’Italia libera da Ogm...

   

Slow Food - C.F. 91008360041 - All rights reserved - Powered by Blulab - Connectivity by BBBell