Slow Wine, quando il vino combatte il cambiamento climatico

Non solo Food for Change, la campagna internazionale di Slow Food sul rapporto tra cibo e cambiamento climatico, ma anche wine for change.

Se è vero che le scelte alimentari possono incidere sul cambiamento climatico e contribuire ad arginarne le conseguenze ambientali e sociali allora perché non estendere lo stesso ragionamento al vino?

Slow Wine, la guida di Slow Food Editore dedicata al mondo del vino, nasce proprio da questo convincimento, e ciò che la contraddistingue dalle altre è la volontà di non fermarsi al contenuto del bicchiere, ma cercare il buono, pulito e giusto anche nel mondo enoico attraverso le visite in cantina e nei vigneti.

Ognuno di noi può infatti scegliere bottiglie che oltre a essere buone sotto il profilo organolettico abbiano anche un risvolto positivo sull’ambiente.

Una scelta ancor più necessaria se si considera che il vino, in quanto prodotto agricolo, non è esente dal fenomeno dell’inquinamento ambientale, a cui contribuisce ad esempio con l’uso abbondante di funghicidi che caratterizza gran parte del settore. Un tema questo, che si unisce a quello della perdita di biodiversità e al cambiamento climatico, su cui il mercato e le scelte dei consumatori hanno potere di incidere.

L’aumento delle temperature globali rischia nel giro di pochi anni di rendere inadatte quelle che oggi conosciamo come regioni vinicole d’eccellenza. Spostare quelle produzioni altrove rischierebbe di disperdere un patrimonio di identità e tradizioni di tante regioni che anche in Italia hanno fatto del vino la propria vocazione.

Allargare lo sguardo e puntare sulla biodiversità anche in vigna potrebbe essere il modo di salvare quelle economie e quei territori. A maggior ragione allora un cibo del cambiamento può e deve essere il vino.

La degustazione annuale dedicata a Slow Wine 2019 sarà una preziosa occasione per rendersi conto che #foodforchange è una battaglia che si può combattere nei gesti quotidiani come la scelta di un buon vino.

L’appuntamento è sabato 13 ottobre a Montecatini Terme con cinquecento produttori e oltre mille etichette in degustazione.

 

Giorgia Canali

g.canali@slowfood.it

da La Stampa del 7 ottobre 2018

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No
SlowFood, Prendici Gusto, diventa socio