Slow Food conquista Berlino!

Oltre alla partecipazione alla manifestazione contro l’allevamento industriale, la Berlinale ha assegnato un premio a Carlo Petrini

berlin-slowfoodQuasi 50.000 persone si sono riunite sabato 17 gennaio nella capitale tedesca per sollecitare con forza un cambiamento di direzione nel sistema alimentare mondiale. In occasione della manifestazione annuale Wir haben es satt! (“ne abbiamo abbastanza!”), si sono incontrate persone di diversi ambiti, dai produttori agli apicoltori, fino alle organizzazioni civili e ai consumatori: è stato uno dei migliori risultati che l’evento abbia mai ottenuto.

Guidati da un corteo di trattori, i dimostranti hanno occupato le strade per dare voce alle loro preoccupazioni su problemi come l’allevamento su scala industriale, lo spreco di cibo, gli Ogm e il Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti* (Ttip, clicca qui per firmare la petizione) tra Unione Europea e Stati Uniti.

«Il cibo è politica. Ogni volta che scegliamo di acquistare un prodotto piuttosto che un altro, determiniamo il modo in cui gli animali sono allevati o cosa si coltiva nei nostri campi. Sono sicuro di voler sostenere i piccoli produttori e non le grandi corporazioni industriali che si dedicano all’agricoltura» ha dichiarato Jochen Fritz, organizzatore della manifestazione, alla folla ritrovatasi di fronte al Palazzo della Cancelleria di Angela Merkel, meta finale della manifestazione.

Come negli anni precedenti, l’evento è stato organizzato in concomitanza con l’International Green Week, una delle più grandi manifestazioni al mondo dedicata all’alimentazione, all’agricoltura e all’orticoltura, che si tiene a Berlino, ogni anno, a gennaio. Dato il vasto numero di partecipanti all’edizione di quest’anno, è stato difficile per le personalità in visita, come i ministri europei dell’agricoltura, ignorare il messaggio trasmesso.

Ma Berlino non si ferma! Non era ancora terminata la manifestazione, che erano già in corso i preparativi per un altro importante appuntamento in città: la Berlinale, uno dei festival di maggior prestigio nel panorama cinematografico internazionale. Ogni anno, a febbraio, registi, attori, giornalisti e cinefili raggiungono la capitale da ogni parte del mondo per questo importante appuntamento.

Come molti di voi sapranno, negli ultimi anni, con il contributo di Slow Food, una sezione del festival è stata dedicata al cibo. Conosciuta come Culinary Cinema (Kulinarisches Kino), propone film, documentari e cortometraggi dedicati ai vari ambiti del sistema alimentare.

Oltre ai premi per i film in concorso, ogni anno viene assegnato un premio, il Camera award, a “personalità o istituzioni a cui il festival si sente particolarmente grato”. Quest’anno, il premio è andato al presidente di Slow Food Internazionale, Carlo Petrini, e al vicepresidente Alice Waters. La premiazione è avvenuta l’8 febbraio e il premio è stato ritirato dallo stesso Carlo Petrini.

Sceso il sipario su entrambi gli eventi, è ormai chiaro che Berlino è l’epicentro di molte attività per il movimento Slow Food. Aspettiamo dunque di scoprire cosa ci riserverà il resto dell’anno!

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No
SlowFood, Prendici Gusto, diventa socio
comments powered by Disqus