Rovigno, due proposte cui non potrete rinunciare

Deliziosa cittadina dell’Istria croata, Rovigno appare d’improvviso con il suo coloratissimo skyline sul mare e ogni volta che vi si giunge è sempre una piacevole sorpresa. Dopo una giornata trascorsa in una delle tranquille e scenografiche spiagge dei dintorni (celebri quelle dedicate a chi pratica il naturismo), sarà un piacere rifugiarsi per qualche ora tra le mura dell’accogliente e vivace centro storico ricco di chiese, monumenti e testimonianze archeologiche. In questa sorta di paradiso in terra non sono solo l’arte e le spiagge a dare grandi soddisfazioni, poiché anche il cibo fa la sua parte. Se è vero che nelle zone più turistiche è difficile trovare una proposta originale o di qualità, è anche vero non mancano autentiche sorprese, luoghi anche molto diversi tra loro ma che hanno in comune la cura per l’ospite e per la qualità delle pietanze proposte.

Il ristorante

RovignoBluCosì, se cercate una cucina di pesce curata, un ristorante elegante e intimo, magari per una cena a lume di candela in riva al mare, il pensiero non può che andare a Blu, il ristorante che Lidia Fabris ha aperto nel 2000 pochi chilometri fuori dal centro di Rovigno. Affacciato sulla spiaggia di ciottoli, con alle spalle una piacevole pineta, il locale dispone di una bella sala con ampie vetrate e pareti in pietra d’Istria, ma se il tempo lo consente merita senz’altro mangiare all’aperto, con il mare a due passi e la brezza che è un autentico valore aggiunto. La cucina, dicevamo, è essenzialmente di mare, con il pesce freschissimo acquistato presso i pescatori locali. Le preparazioni e la mise en place sono curate come ci si aspetta da un posto simile, ma non aspettatevi svolazzi pretestuosi: sapori netti, idee chiare, mano felice vi convinceranno a tornare. Dal 2009 Blu è anche bed and breakfast, con camere dai colori chiari e gli arredi moderni. I prezzi sono certamente alti per la media istriana ma vi stupiranno comunque.

L’agriturismo

Rovigno2

Se invece preferite, per stile e atmosfera, qualcosa di più vicino ai locali che Slow Food racconta sulla guida Osterie d’Italia, resterete senz’altro soddisfatti da Konoba Bruna: in un luogo che non t’aspetti, appena fuori da un grande e famoso campeggio, ha sede questo accogliente agriturismo a gestione familiare. Molte, come è giusto che sia, le materie prime autoprodotte, cui si aggiungono altri prodotti della zona e il pescato locale. Seduti a uno dei tavoli all’aperto, circondati dal verde di begli alberi d’olivo e immersi in un’atmosfera semplice, informale e genuina da trattoria di campagna, non mancate di assaggiare la peka preparata da Marco: verdure, carne o pesce cotti sulla brace all’interno di un contenitore dal coperchio a campana. In chiusura, da non perdere la grappa fatta in casa (da provare quella di melograno). Prezzi più che onesti e tanto spazio per far giocare i bambini.

Carlo Petrrini
c.petrini@slowfood.it

Da La Repubblica

Blu
Val de Lesso, 9
www.blu.hr

Konoba Bruna
Monsena, 7 A

 

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No
SlowFood, Prendici Gusto, diventa socio
comments powered by Disqus