A Pollenzo i Signori del vino

È dedicato ai protagonisti del mondo del vino il programma Signori del vino in onda su Rai Due a partire dal prossimo 31 gennaio. Carlo Petrini

«Un vero e proprio viaggio dal Piemonte alla Sicilia, toccando dieci regioni italiane», raccontano gli ideatori Marcello Masi e Rocco Tolfa, rispettivamente direttore e vicedirettore del Tg2. In ogni territorio un’intervista svela al pubblico la storia di chi è considerato da tutti il “signore o la signora del vino”, figure che incarnano storia e tradizioni di una regione. «Le conclusioni poi sono affidate a opinion leader dell’informazione enogastronomica: per le prima due puntate, dedicate a Piemonte e Sicilia, avremo Carlo Petrini, fondatore di Slow Food, ed Enzo Vizzari, direttore della guida dell’Espresso».

Il progetto, che sarà presentato all’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo il prossimo venerdì in un incontro aperto a tutti, è nato durante la programmazione di un Tg. «Si, è lì che abbiamo cominciato a discutere della bellezza del nostro territorio e dei nostri vigneti, di quanti bravi produttori ci siano e del paradosso per cui spesso sono più conosciuti all’estero che in patria», continuano Masi e Tolfa. «Senza considerare che il vino costituisce un elemento importante della nostra economia, con un segno positivo nelle esportazioni che ben pochi settori possono vantare». Una trasmissione di trenta minuti che coinvolgerà anche il pubblico a casa, che potrà intervenire attraverso i social network, chiedendo approfondimenti e curiosità. In ogni puntata, poi, si affronterà una questione più tecnica: dalla potatura al metodo classico, solo per citarne alcuni.

«Vogliamo parlare del vino come cultura, economia, scienza, ricerca e tradizione, perché in un buon bicchiere ritroviamo le nostre radici più forti e vigorose», continuano gli ideatori. «Racconteremo l’importanza del terroir, la cura delle vigne, la selezione dei grappoli e il lavoro in cantina». Insomma, una trasmissione interamente dedicata ai nostri vigneron, che mancava da troppo tempo, dai tempi di Soldati e Veronelli. Un’occasione per stendere un patto tra i protagonisti di questo mondo, per la divulgazione e la difesa della nostra produzione di qualità. «La cultura del vino italiano deve essere una bandiera comune che coinvolge produttori, operatori e comunicatori».

L’appuntamento per vedere in anteprima un estratto della trasmissione è venerdì 23 gennaio alle ore 14.30 nell’Aula Magna dell’Università di Scienze Gastronomiche (Cascina Albertina, via Amedeo di Savoia, 8 – Pollenzo), in un incontro che coinvolge, oltre ai due autori, anche Luigi Gubitosi, direttore generale della Rai, Luigi De Siervo, direttore di RAICOM, Pier Carlo Grimaldi, rettore dell’Università di Scienze Gastronomiche e Carlo Petrini, Presidente di Slow Food.

E poi, a partire dal 31 gennaio, televisori sintonizzati su Rai Due ogni sabato alle 23,40. Stay tuned!

A cura di Alessia Pautasso
a.pautasso@slowfood.it

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No
SlowFood, Prendici Gusto, diventa socio
comments powered by Disqus