Petrini:«Il nostro Expo si chiama Terra Madre»

Si sono accese oggi le luci sull’VIII Congresso nazionale di Slow Food Italia, da oggi a domenica a Riva del Garda, e che riunisce i 771 delegati dell’associazione da tutto lo Stivale. Molti i temi portati sul tavolo da Roberto Burdese nella suo ultimo intervento come presidente di Slow Food Italia, dal consumo di suolo alla lotta agli Ogm, dai fondi della Pac al rapporto tra cibo e legalità. Ma ce n’è uno che oggi più che mai è di forte attualità: l’Expo 2015. «Noi saremo all’Expo perché vogliamo evitare che finisca per predominare la voce di quelle multinazionali o di quei Paesi che avranno sì padiglioni meravigliosi, ma che allo stesso tempo affamano l’Africa con il land grabbing», esordisce Burdese. «Riflettiamoci un attimo: facciamo l’Expo per capire come nutrire il pianeta e allo stesso tempo migliaia di metri di suolo agricolo sono sacrificati per costruire il sito. Da sempre noi ci occupiamo dei temi al centro dell’Expo, e continueremo a farlo anche dopo. La sfida del 2015 allora è questa: proponiamo a ogni italiano di fare l’Expo ogni giorno, anche se non visiterà la fiera. Diventiamo co-produttori, difendiamo il nostro pianeta». Non possono mancare i riferimenti alle grandi sfide europee: «abbiamo bisogno che i fondi della PAC siano destinati a chi fa agricoltura biologica e biodinamica, a chi difende i suoli, a chi difende la biodiversità tutelando i saperi». E termina con un appello all’associazione che ha diretto negli ultimi otto anni: «non perdiamo di vista il nostro carattere e i nostri pilastri fondamentali, il nostro mettere la dimensione locale al centro di tutte le azioni e i progetti».

«Voi di Slow Food esprimete un pezzo formidabile dell’impegno di questo paese. È fondamentale ora costruire una prospettiva per il futuro, riconoscendo alcune parole d’ordine fondamentali e recuperando un progetto collettivo», esordisce il Ministro alle politiche agricole, alimentari e forestali Maurizio Martina. «Expo è una grande occasione perché è la metafora del tentativo che l’Italia deve fare per guadagnare un po’ di fiducia in sé stessa. Non accetto che l’Italia rinunci a un grande obiettivo come quello, significherebbe dimostrare al mondo che questo paese è finito. Oggi il grado di determinazione e le responsabilità sono ancora maggiori. Ma dobbiamo stare al tema e alla potenza di quella sfida, preparandoci al confronto con modelli e soluzioni differenti dalle nostre. Per me questo significa non solo preservare, ma potenziare le peculiarità dei nostri territori e della nostra visione del mondo» .Il Ministro conclude con i progetti per il futuro, dalla Pac al ruolo dei giovani in agricoltura, «misure che possono aiutare l’Italia a uscire dalla crisi e recuperare energia positiva. Questa è la sfida che vi lancio, aiutateci a tenere largo l’orizzonte e a segnalarci eventuali cambiamenti di rotta, saremo pronti ad accoglierli come abbiamo fatto con il progetto Campolibero che entro maggio diventerà un decreto anche grazie al lavoro condiviso con tutto il settore».

La parola passa poi a Carlo Petrini: «Cominciamo proprio dall’Expo: all’inizio non era inteso come una vetrina, ma come un’occasione per confrontarsi sul diritto al cibo, la sovranità alimentare e la sostenibilità ambientale. Noi ci saremo per portare il nostro contributo ma vorrei ricordarvi che il nostro Expo si chiama Terra Madre e non dura sei mesi. Sono dieci anni che facciamo l’Expo, e lo facciamo nei campi e nelle savane. Lo facciamo con un’idea partita da una piccola città piemontese e che ha poi conquistato il mondo intero. Il mio appello è quindi essere coraggiosi, visionari e pragmatici. Dobbiamo essere solidali con gli ultimi, fare una grande rivoluzione umana in cui è l’amore fraterno a guidare le nostre azioni. Ed è per questo che abbiamo lanciato sfide ambiziose che possono sembrare impossibili, come creare 10.000 orti in Africa. Orti con cui rendere i giovani africani artefici del loro destino, orti che devono farci capire che dobbiamo tutti essere africani, tutti inseguire un sogno». E Petrini conclude con un augurio alla nuova classe dirigente che emergerà dopo questi tre giorni di lavori congressuali: «Non lasciamo che le logiche della vecchia politica entrino nelle nostre sfide, altrimenti come potremo spiegarlo ai nostri fratelli africani? L’intelligenza affettiva e l’austera anarchia sono le coordinate di un grande movimento. Non perdiamole».

Ora tocca alle due squadre candidate presentare il loro programma. Domenica scopriremo il nuovo presidente di Slow Food Italia.

 

Il Congresso nazionale di Slow Food Italia si svolge dal 9 all’11 maggio presso il Centro Riva del Garda Fiere Congressi (Tn) con il sostegno della Provincia Autonoma di Trento e di Trentino Turismo e Promozione, il comune di Riva del Garda e la Camera di Commercio di Trento. Si ringraziano inoltre il Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto, l’Apt Lago di Garda, l’Apt Rovereto e Vallagarina e Agraria Riva del Garda.

Hanno contribuito all’organizzazione e alla riuscita del Congresso le seguenti Aziende: Armanini, Cantina Endrizzi, Cantina La-Vis, Cantina Sociale di Trento, Cantina Vivallis, Cantine Ferrari, Cavit Spa, Concast, Consorzio Tutela Vini Trentino, Erika Eis S.r.l., Federazione Trentina Allevatori, Felicetti, Istituto Trentodoc, LatteTrento, Lavazza, Levico Acque, Marzadro, Melinda, Mpartners, Novamont, Panificio Moderno, Sant’Orsola, Unipol, Vallarom.

 

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No
SlowFood, Prendici Gusto, diventa socio
comments powered by Disqus