L’inverno è finito, godiamoci le sue ultime delizie

La scorsa settimana ci eravamo illusi che la primavera fosse già arrivata e di qualche giorno di sole e tepore avevamo goduto, prima della nuova ondata di freddo e gelo.

Il colpo di coda dell’inverno non comprometterà la produzione di frutta in gran parte del Paese, perché gli alberi non hanno ancora gemmato, ma sicuramente ritarderà i prodotti primaverili, come fragole e asparagi, tra i primi ad annunciare l’arrivo della bella stagione sui banchi dei mercati.

In realtà ne abbiamo già visti – e continueremo a vederne – di fragole e asparagi al mercato, ma a prezzi molto alti e sicuramente frutti di scambi commerciali o coltivazioni poco sostenibili.

Fanno eccezione le fragole siciliane, che a Marsala si producono quando al Nord è pieno inverno, ma queste sono così precoci che la loro stagione è quasi finita. Ora si dovrebbe passare a Calabria e Basilicata, ma il freddo rallenterà la “risaluta” verso Nord.

Non verranno in soccorso ai mercatari nostrani le fragole spagnole, di solito provenienti dall’Andalusia e più precisamente dalla zona di Huelva, perché laggiù hanno avuto molti problemi con le piogge e l’umidità non aiuta a conservare il prodotto per lunghi viaggi.

Le restrizioni della Comunità Europea sui prodotti chimici utilizzabili per scongiurare la marcescenza delle fragole “viaggiatrici” hanno fatto il resto e quindi davvero dovremo aspettare, ma poco male: ve la diamo come pura informazione.

Lo stesso discorso vale per gli asparagi, che già ci sono ma prodotti in serre con i terreni riscaldati da tubi sotterranei in cui passa acqua calda. Sono quanto di più insostenibile si possa immaginare per ciò che consumano in termini energetici: per cosa poi? Per avere asparagi qualche tempo prima del dovuto?

Ci pare abbastanza folle e vi invitiamo a mettere ancora un po’ da parte la voglia, anche perché i prodotti invernali continuano a essere molto presenti e a prezzi interessanti. Broccoletti, cavolfiori, coste e costine e anche tanti carciofi.

Presidio del carciofo spinoso di Menfi

Parliamo spesso degli spinosi sardi, ma questa settimana vogliamo invitarvi a scoprire gli spinosi di Menfi in Sicilia, un Presidio Slow Food che ha avuto una buona annata ed è ancora nel pieno della raccolta. Si trovano nelle principali città, ma all’indirizzo email carciofo.spinosodimenfi@gmail.com potrete contattare i produttori riuniti in associazione e magari organizzare un bel gruppo d’acquisto.

 

Carlo Bogliotti

c.bogliotti@slowfood.it

da La Stampa del 17 marzo 2018

  • Hai imparato qualcosa di nuovo da questa pagina?
  • Si   No
SlowFood, Prendici Gusto, diventa socio